turbo suslik.org

contenuto:

Le persone hanno così tante fobie che è ora di aver paura della loro enorme diversità. Ma se la maggior parte delle paure sono poco conosciute e sono sopraffatte da una piccola percentuale della popolazione, allora un numero enorme di persone ne è esposto. Il leader in questo senso è la claustrofobia. Se pensi di non soffrire di questa malattia, non precipitarti alle conclusioni. Ogni ottavo è claustrofobico, anche se in una forma lieve. Non si può prendere dal panico quando si è bloccati in un ascensore bloccato, ma il disagio in una stanza angusta con soffitti schiaccianti è un segno evidente che sei claustrofobico.

Sintomi di claustrofobia

La fobia più popolare è un disturbo mentale, che si manifesta sotto forma di convulsioni non appena il paziente si trova in uno spazio chiuso. Potrebbe essere un ascensore, una metropolitana, un aereo, un minibus sovraffollato... Gli attacchi di claustrofobia si verificano per strada - con un grande raduno di persone. La paura provoca ogni situazione che viene percepita come una minaccia per perdere la libertà di azione, movimento. La paura di soffocare è uno dei sintomi della claustrofobia. Le persone che soffrono di una forma grave di questo disturbo hanno la sensazione di bloccare l'ossigeno e stanno per soffocare.

I claustrofobi evitano situazioni appropriate "testate". Preferiscono camminare, scegliere il trasporto via terra, temendo la metropolitana e gli aeroplani, si tengono il naso al vento in luoghi affollati: notano segni di folla, cercano di ritirarsi.

I sintomi della claustrofobia sono caratterizzati dai seguenti sintomi:

  • palpitazioni cardiache;
  • mal di testa o vertigini;
  • mancanza di respiro;
  • intorpidimento degli arti e / o formicolio;
  • sensazione di schiacciamento al petto;
  • paura di perdere conoscenza;
  • presagio di una minaccia;
  • tremori;
  • paura di perdere l'autocontrollo;
  • anello dell'orecchio;
  • sudorazione;
  • bocca secca;
  • paura della morte;

Con lievi forme di claustrofobia, può essere quasi asintomatico, manifestandosi solo in un po 'di ansia. Allo stesso tempo, i casi gravi possono essere accompagnati da tutti i sintomi, inclusi svenimento e panico. La claustrofobia cronica porta spesso alla perdita dei legami sociali: poiché il paziente evita queste situazioni in ogni modo, diventa difficile per lui contattare le persone (così come le persone con lui). Secondo le statistiche, con l'età, gli attacchi di claustrofobia perdono intensità e frequenza.

Cause di claustrofobia

In ciascuno dei casi specifici di claustrofobia, è difficile dire cosa lo abbia causato. Tuttavia, quasi sempre la paura dello spazio limitato è associata a traumi mentali vissuti durante l'infanzia. Forse, i genitori lo hanno esagerato con la punizione - li hanno rinchiusi in una dispensa o in un armadio buio e angusto. Forse le radici dovrebbero essere ricercate nella perdita dei genitori e una lunga permanenza in un luogo affollato senza di loro - nella psiche del bambino questa esperienza è impressa per la vita, in alcuni casi risponde dallo sviluppo della claustrofobia. Cadere in una piscina o in un serbatoio in assenza della capacità di nuotare è un'altra causa comune della malattia.

I bambini copiano il comportamento dei loro genitori, e succede che l'imitazione conduce ai disturbi mentali riflessivi del bambino della madre e del padre. Se questi ultimi erano claustrofobici, è abbastanza probabile che lei apparisse nei bambini. Secondo una teoria, copiare non è l'unico modo per "trasferire" le fobie dai genitori (o dai parenti più lontani) ai bambini. Secondo questa teoria, la claustrofobia può essere ereditata.

Un'altra teoria afferma che la causa della paura è la permanenza del feto nell'utero. Bene, data la prevalenza della malattia, questa ipotesi ha il diritto di esistere. Forse durante la gravidanza una situazione ha minacciato la vita del nascituro. Ciò potrebbe riflettersi nel subconscio e successivamente provocare la claustrofobia.

Trattamento claustrofobico

Prima di iniziare il trattamento, la claustrofobia deve essere diagnosticata per determinarne il grado. A seconda della gravità della malattia, potrebbe essere necessario l'aiuto di uno psicologo o psicoterapeuta. Tale paura è irrazionale, quindi non dovresti contare sul lavoro elementare della logica. I principali metodi di lotta contro la claustrofobia che si sono dimostrati oggi sono:

  • trance ipnotica;
  • desensibilizzazione sistematica;
  • NLP;

Nella condizione di ipnosi di un paziente, è molto più facile per uno specialista rilassarlo fisicamente e psicologicamente, cioè il rilassamento è la chiave per sbarazzarsi delle tracce di un trauma che è accaduto una volta e per i pazienti di acquisire confidenza in uno spazio ristretto.

La desensibilizzazione sistematica è progettata per insegnare le abilità di rilassamento della psiche claustrofoba, che userà nei suoi attacchi di fobie. Tra le tecniche si possono notare "inconsistenza", "alluvione", "iniezione". Il corpo ha bisogno di rilassarsi non meno della psiche, e il rilassamento muscolare secondo il metodo Jacobson è efficace qui.

Specialisti di programmazione neuro-linguistica lavorano con il paziente con varie rivoluzioni verbali. La PNL aiuta il paziente a comprendere il grado di fobia e non il panico durante gli attacchi. Il compito dello psicologo è quello di insegnare i claustrofobes per uscire da situazioni stressanti.

Un paziente con claustrofobia è obbligato a praticare, anche indipendentemente. Ha bisogno di imparare ad astrarre dalla paura, concentrandosi su immagini piacevoli. Il pensiero positivo durante gli attacchi è una delle chiavi del successo nella lotta contro la fobia. Durante un attacco, il paziente deve rilassarsi il più possibile e portare il respiro a uno stato normale. Dovresti concentrarti su qualsiasi oggetto, passando gradualmente a oggetti immaginari positivi.

Non c'è bisogno di evitare luoghi che causano convulsioni, ti troveranno ancora e ti troverai disarmato. La lotta indipendente (come già sapete) e l'aiuto di uno specialista sono una garanzia di vittoria sulla claustrofobia.

Paura dello spazio ravvicinato

La paura dello spazio ristretto

Le persone hanno così tante fobie che è ora di aver paura della loro enorme diversità. Ma se la maggior parte delle paure sono poco conosciute e sono sopraffatte da una piccola percentuale della popolazione, allora un numero enorme di persone ne è esposto. Il leader in questo senso è la claustrofobia. Se pensi di non soffrire di questa malattia, non precipitarti alle conclusioni. Ogni ottavo è claustrofobico, anche se in una forma lieve. Non si può prendere dal panico quando si è bloccati in un ascensore bloccato, ma il disagio in una stanza angusta con soffitti schiaccianti è un segno evidente che sei claustrofobico.

Sintomi di claustrofobia

La fobia più popolare è un disturbo mentale, che si manifesta sotto forma di convulsioni non appena il paziente si trova in uno spazio chiuso. Potrebbe essere un ascensore, una metropolitana, un aereo, un minibus sovraffollato... Gli attacchi di claustrofobia si verificano per strada - con un grande raduno di persone. La paura provoca ogni situazione che viene percepita come una minaccia per perdere la libertà di azione, movimento. La paura di soffocare è uno dei sintomi della claustrofobia. Le persone che soffrono di una forma grave di questo disturbo hanno la sensazione di bloccare l'ossigeno e stanno per soffocare.

I claustrofobi evitano situazioni appropriate "testate". Preferiscono camminare, scegliere il trasporto via terra, temendo la metropolitana e gli aeroplani, si tengono il naso al vento in luoghi affollati: notano segni di folla, cercano di ritirarsi.

I sintomi della claustrofobia sono caratterizzati dai seguenti sintomi:

  • palpitazioni cardiache;
  • mal di testa o vertigini;
  • mancanza di respiro;
  • intorpidimento degli arti e / o formicolio;
  • sensazione di schiacciamento al petto;
  • paura di perdere conoscenza;
  • presagio di una minaccia;
  • tremori;
  • paura di perdere l'autocontrollo;
  • anello dell'orecchio;
  • sudorazione;
  • bocca secca;
  • paura della morte;

    Con lievi forme di claustrofobia, può essere quasi asintomatico, manifestandosi solo in un po 'di ansia. Allo stesso tempo, i casi gravi possono essere accompagnati da tutti i sintomi, inclusi svenimento e panico. La claustrofobia cronica porta spesso alla perdita dei legami sociali: poiché il paziente evita queste situazioni in ogni modo, diventa difficile per lui contattare le persone (così come le persone con lui). Secondo le statistiche, con l'età, gli attacchi di claustrofobia perdono intensità e frequenza.

    Cause di claustrofobia

    In ciascuno dei casi specifici di claustrofobia, è difficile dire cosa lo abbia causato. Tuttavia, quasi sempre la paura dello spazio limitato è associata a traumi mentali vissuti durante l'infanzia. Forse, i genitori lo hanno esagerato con la punizione - li hanno rinchiusi in una dispensa o in un armadio buio e angusto. Forse le radici dovrebbero essere ricercate nella perdita dei genitori e una lunga permanenza in un luogo affollato senza di loro - nella psiche del bambino questa esperienza è impressa per la vita, in alcuni casi risponde dallo sviluppo della claustrofobia. Cadere in una piscina o in un serbatoio in assenza della capacità di nuotare è un'altra causa comune della malattia.

    I bambini copiano il comportamento dei loro genitori, e succede che l'imitazione conduce ai disturbi mentali riflessivi del bambino della madre e del padre. Se questi ultimi erano claustrofobici, è abbastanza probabile che lei apparisse nei bambini. Secondo una teoria, copiare non è l'unico modo per "trasferire" le fobie dai genitori (o dai parenti più lontani) ai bambini. Secondo questa teoria, la claustrofobia può essere ereditata.

    Un'altra teoria afferma che la causa della paura è la permanenza del feto nell'utero. Bene, data la prevalenza della malattia, questa ipotesi ha il diritto di esistere. Forse durante la gravidanza una situazione ha minacciato la vita del nascituro. Ciò potrebbe riflettersi nel subconscio e successivamente provocare la claustrofobia.

    Prima di iniziare il trattamento, la claustrofobia deve essere diagnosticata per determinarne il grado. A seconda della gravità della malattia, potrebbe essere necessario l'aiuto di uno psicologo o psicoterapeuta. Tale paura è irrazionale, quindi non dovresti contare sul lavoro elementare della logica. I principali metodi di lotta contro la claustrofobia che si sono dimostrati oggi sono:

    • trance ipnotica;
    • desensibilizzazione sistematica;
    • NLP;

    Nella condizione di ipnosi di un paziente, è molto più facile per uno specialista rilassarlo fisicamente e psicologicamente, cioè il rilassamento è la chiave per sbarazzarsi delle tracce di un trauma che è accaduto una volta e per i pazienti di acquisire confidenza in uno spazio ristretto.

    La desensibilizzazione sistematica è progettata per insegnare le abilità di rilassamento della psiche claustrofoba, che userà nei suoi attacchi di fobie. Tra le tecniche si possono notare "inconsistenza", "alluvione", "iniezione". Il corpo ha bisogno di rilassarsi non meno della psiche, e il rilassamento muscolare secondo il metodo Jacobson è efficace qui.

    Specialisti di programmazione neuro-linguistica lavorano con il paziente con varie rivoluzioni verbali. La PNL aiuta il paziente a comprendere il grado di fobia e non il panico durante gli attacchi. Il compito dello psicologo è quello di insegnare i claustrofobes per uscire da situazioni stressanti.

    Un paziente con claustrofobia è obbligato a praticare, anche indipendentemente. Ha bisogno di imparare ad astrarre dalla paura, concentrandosi su immagini piacevoli. Il pensiero positivo durante gli attacchi è una delle chiavi del successo nella lotta contro la fobia. Durante un attacco, il paziente deve rilassarsi il più possibile e portare il respiro a uno stato normale. Dovresti concentrarti su qualsiasi oggetto, passando gradualmente a oggetti immaginari positivi.

    Non c'è bisogno di evitare luoghi che causano convulsioni, ti troveranno ancora e ti troverai disarmato. La lotta indipendente (come già sapete) e l'aiuto di uno specialista sono una garanzia di vittoria sulla claustrofobia.

    Se vuoi veramente sbarazzarti in modo permanente di ansie, paure e attacchi di panico, e non solo imparare a far fronte e continuare a convivere con queste cose, devi eliminare la vera causa del problema. Cioè, c'è un complesso di vari problemi che ti fa provare ansia, paura o esperienza di attacchi di panico. Non appena la causa, cioè la radice del problema, si allontana, il problema stesso scompare. Nessuna eccezione Quindi, se vuoi liberarti dei tuoi problemi per sempre, clicca qui e ottieni un e-book gratuitamente.

    Paura dello spazio chiuso, o claustrofobia

    Il desiderio di uscire rapidamente dall'ascensore, lasciare una stanza angusta, o lasciare la stanza con soffitti bassi - tutti questi sono veri segni di claustrofobia. La paura di uno spazio chiuso è la più comune tra tutte le fobie in base ai risultati degli studi di molte istituzioni sociologiche. Circa il 5% delle persone soffre di claustrofobia acuta - una malattia che deve essere trattata solo con l'aiuto di psichiatri.

    Paura dello spazio chiuso: cause di claustrofobia

    Qualsiasi fobia è una condizione innaturale per l'organismo. Di default, una persona ha istinti di autoconservazione che funzionano in una situazione estrema. Tutto ciò che aggrava questi istinti e li acuisce al limite, crea paure e fobie.

    Qual è la paura di una stanza chiusa? La claustrofobia è la paura di trovarsi in spazi molto angusti, per esempio le macchine dell'ascensore. Una persona non può rilassarsi in una stanza spaziosa piena di gente. Le camere con soffitti bassi o senza finestre sono causa di panico. "Sono spaventato!" È l'unica reazione per il claustrofobico.

    Per le persone che soffrono di una forma estrema di fobia, la paura di spazi ristretti, anche la parola non significa visitare varie grotte, monumenti di architettura. Per loro, anche una cravatta al collo o vestiti attillati sotto la gola provoca una sensazione di oppressione e tensione.

    Le cause dei medici della malattia non riescono ancora a determinare esattamente. C'è una teoria secondo la quale la paura dello spazio limitato viene trasmessa dal genoma dell'eredità. Forse uno dei parenti ha sofferto di questa fobia.

    Un'altra teoria dice che la paura di una stanza chiusa è una conseguenza del ritrovamento del feto nell'utero. Questa teoria ha anche il diritto di esistere, perché le statistiche mostrano che circa l'80% delle persone soffre di una forma lieve di claustrofobia, che non può essere definita una malattia. Queste persone non sentono paura, sentono solo disagio se sono in un seminterrato angusto o in una stanza con soffitti bassi. Difficilmente puoi sentire la frase "I am fear" da loro, tuttavia, è spiacevole per loro essere in una stanza angusta.

    Ecco perché questa spiegazione della paura di stanze anguste è la più plausibile - perché l'utero è uno spazio abbastanza vicino. Forse la claustrofobia, come una malattia, si manifesta come conseguenza di una gravidanza senza successo, quando il feto era minacciato, e questo rimaneva nel subconscio di una persona.

    La brutta esperienza nell'infanzia gioca un ruolo enorme nel verificarsi della claustrofobia. Se un bambino viene punito, rinchiuso in una stanza, o peggio, in una dispensa, naturalmente, quando crescerà, si ricorderà di questo negativo ed eviterà spazi angusti.

    Un altro scenario per lo sviluppo di una malattia è la perdita di genitori in una grande folla di persone. Quando il bambino ha sperimentato la paura di essere stato lasciato solo per colpa di una grande folla di persone. In futuro, le persone cercheranno di evitare le stanze dove è possibile trovare un gran numero di persone.

    Camminando con i bambini nel cortile, il bambino potrebbe rimanere bloccato tra i rami dell'albero o le sbarre del recinto. In questo caso, la paura di rimanere bloccati da qualche parte e di non essere liberati nel tempo può creare la paura di spazi ristretti anche in strada.

    Cosa si sente claustrofobico quando il suo incubo diventa realtà e una stanza chiusa o angusta ne frantuma le pareti:

  • aumento della frequenza cardiaca;
  • palpitazioni;
  • grave mancanza di respiro;
  • mancanza di aria;
  • mani tremanti;
  • aumento della sudorazione;
  • allarme.

    "Ho paura dello spazio limitato": come sbarazzarsi di una fobia?

    Gli esperti individuano due paure claustrofobiche principali:

    Qual è la loro caratteristica distintiva? Nel primo caso, una persona sperimenterà la paura in uno spazio ristretto o ristretto: una stanza senza finestre, un tunnel, un ascensore, una cabina per auto, una grotta, un passaggio sotterraneo. Questo tipo di fobia può causare altre paure laterali: la paura di stare sotto la doccia, i lettini abbronzanti, il dentista o il parrucchiere. Una persona claustrofobica non ha paura di questi luoghi particolari - ha paura delle situazioni che possono sorgere in loro.

    Nel secondo caso, la paura dello spazio limitato ha sufficienti manifestazioni fisiche: la paura del soffocamento crea secchezza e mal di gola, provoca la tosse. Il paziente inizia a sentire che sta bloccando l'ossigeno e non abbastanza aria.

    Prima di toccare la questione della liberazione globale dalla paura dello spazio chiuso, vorrei soffermarmi sull'importante momento di sollievo dai sintomi quando la paura è stata colta di sorpresa.

  • Per prima cosa, cerca di rilassarti. Fai un respiro profondo.
  • Secondo, fissa l'attenzione su qualcosa. Considera un argomento, prova a notare tutti i suoi difetti e vantaggi.
  • In terzo luogo, cerca di parlare con le persone intorno a te.

    Nel mondo moderno, vivere con una forma acuta di claustrofobia è molto difficile: gli edifici stanno diventando più alti, i parcheggi sono spesso fatti sotterranei e gli uffici per i dipendenti sono fatti estremamente piccoli e non spaziosi.

    Se parliamo di trattamento che aiuterà sbarazzarsi del claustrofobico, può comprendere sia preparati medici, vale a dire gli antidepressivi e la terapia cognitiva per contribuire ad affrontare i vari tipi di disturbi mentali. È anche possibile un trattamento alternativo sotto forma di ipnosi.

    Claustrofobia: paura dello spazio limitato e come affrontarlo?

    Claustrofobia, che tradotto dal greco significa "paura degli spazi chiusi," - questo è uno dei più popolari in questo momento e sgradevole per i disturbi neurologici umani, in cui si sente un panico irrazionale quando in uno spazio ristretto.

    Cos'è la claustrofobia?

    Nel mondo moderno, le persone chiuse si trovano di fronte a stare in spazi ristretti tutto il tempo: possono essere ascensori, sottopassaggi, stanze senza finestre e molto altro. La paura più comune di una persona claustrofobica è la paura di perdere il controllo di se stessi e la paura di soffocare. In caso di emergenza, anche gli indumenti attillati possono causare il panico, motivo per cui in questo caso cravatte e sciarpe sono accessori indesiderati.

    Ma la claustrofobia può essere espressa non solo nella paura di spazi ristretti. La paura e l'ansia possono perseguire una persona che soffre di questa malattia in stanze luminose e spaziose, se c'è qualcosa che ostacola la libertà delle sue azioni.

    Una persona claustrofobica si preoccupa sempre di come possa sentirsi poco bene o perdere il controllo. Pertanto, cerca sempre di essere più vicino all'uscita in qualsiasi stanza, o evita qualsiasi soggiorno in luoghi "scomodi". Per esempio, alcuni claustrofobici si rifiutano di usare l'ascensore e preferiscono camminare invece della metropolitana.

    Essere in una situazione spiacevole può causare improvvisa ansia o attacchi di panico, che è di solito accompagnata da un senso di soffocamento, troppo forte battito cardiaco, vertigini e presincope o addirittura svenimento.

    Secondo i rapporti, circa il 20% degli abitanti del nostro pianeta soffre di claustrofobia, tuttavia, non tutti sono pronti a chiedere aiuto.

    Perché appare la claustrofobia?

    Le cause della claustrofobia possono essere molte, ma gli esperti per la maggior parte concordano sul fatto che la maggior parte dei problemi proviene dall'infanzia.

    Una persona non può nascere claustrofobica, tuttavia, può avere una tendenza a questo disturbo, e in questo caso molto, se non tutto, dipende dall'istruzione. Se uno dei genitori soffre di claustrofobia, allora il bambino, adottando il suo comportamento e la percezione del mondo che lo circonda, può anche iniziare a diffidare di spazi ristretti e spazi ristretti.

    Inoltre, l'innata tendenza alle fobie può essere ulteriormente sviluppata se, ad esempio, i genitori come punizione mettono un bambino in un angolo o ne bloccano uno in una stanza. In questo caso, crescendo, una persona inizia a temere spazi angusti o qualsiasi interferenza con la sua libertà personale.

    La ragione della claustrofobia in età adulta può anche essere il bullismo e le battute di scuola quando il bambino era chiuso in un bagno della scuola o in un armadio buio. In generale, qualsiasi stress associato alla paura e al bisogno di libertà in tenera età può causare lo sviluppo della fobia in età adulta.

    Nell'età adulta, la claustrofobia può essere il risultato di un attacco di panico sperimentato in una stanza chiusa. Inoltre, le persone particolarmente impressionabili non devono sentire l'attacco sulla propria pelle. I film horror, libri, notizie, attori che sono apparsi in uno spazio limitato per un lungo periodo, possono eccitare l'immaginazione troppo emotivo di una persona a tal punto che era in una situazione di anche lontanamente simile a quello che ha visto, una persona può avere sintomi di claustrofobia.

    Oltre alle ragioni sopra citate, c'è anche una teoria interessante che nelle persone che hanno la tendenza a disturbi di panico, la tonsilla destra è di solito più grande della sinistra. E come sai, è l'amigdala nel cervello umano che è responsabile della formazione della paura.

    La claustrofobia è un disturbo psicologico dell'ansia e i suoi sintomi sono manifestazioni emotive o fisiche dell'ansia. A volte per la manifestazione di tali sintomi una persona che soffre di questa malattia, è sufficiente anche solo pensare alla terribile situazione per lui.

    La sensazione di mancanza d'aria o l'incapacità di respirare sono i sintomi più comuni della claustrofobia.

    Tipici sintomi fisici di claustrofobia:

  • palpitazioni, a volte accompagnate da dolore toracico;
  • aumento della pressione;
  • nausea;
  • mal di testa o vertigini;
  • disorientamento;
  • tremori;
  • aumento della sudorazione, getti in calore (o, al contrario, nel freddo);
  • bocca secca

    I seguenti luoghi possono causare panico e paura nelle persone con diagnosi di claustrofobia:

  • ascensori;
  • sottopassaggio;
  • tunnel;
  • macchina MRI;
  • treno;
  • un aeroplano;
  • stanza chiusa a chiave;
  • piccola stanza;
  • una stanza con molte persone;
  • stanza senza finestre;
  • cantina, cantina o ripostiglio.

    Inoltre, i sintomi descritti sopra possono essere causati da una lunga coda, da un ingorgo stradale o da un trasporto pubblico affollato.

    L'attacco di claustrofobia può iniziare all'improvviso. Allo stesso tempo, una persona non è in grado di spiegare la ragione di questa paura, si pone come dal nulla. Se gli attacchi di paura ingiustificata accadono troppo spesso, ristrutturano completamente il ritmo della vita di una persona, distruggendola gradualmente, perché la maggior parte del tempo viene speso aspettando la paura o nella paura stessa. Ciò può portare a conseguenze negative: una persona può rifiutarsi di lasciare l'appartamento e non si sentirà più parte della società.

    Un'altra caratteristica importante è che la claustrofobia può essere il risultato di malattie più gravi, come problemi con il sistema cardiovascolare, il pancreas o il diabete.

    Non solo la claustrofobia, ma una serie di altri disturbi mentali hanno sintomi simili (ad esempio, disturbo di panico o fobia sociale). Pertanto, in caso di qualsiasi segno o sintomo, è necessario consultare un medico (psichiatra, psicoterapeuta o psicologo) che possa determinare con precisione la causa della paura e prescrivere la terapia necessaria.

    Trattamento claustrofobico

    Quando si tratta di claustrofobia, tutto dipende dalla gravità della malattia. Per qualcuno, basta parlare con uno specialista che troverà la causa della nevrosi e aiuterà a correggerlo. Altri non possono fare a meno dell'uso di droghe. Qualcuno ricorre alla medicina tradizionale e ad altri modi. Ma prima le cose vanno prima.

    Relax. I metodi di rilassamento includono vari tipi di esercizi di respirazione o meditazione, che aiuteranno a far fronte al panico e alla paura da soli. Tuttavia, l'uso di tali metodi può solo aiutare nella fase iniziale del disturbo.

    Psicoterapia. Uno psicologo altamente qualificato è una soluzione molto costosa ma efficace per un problema. Uno specialista nella sua attività aiuterà a risolvere il problema il prima possibile applicando metodi psicologici efficaci (psicoterapia strategica, psicoterapia cognitivo-comportamentale, terapia EMDR o DPDG).

    Farmaci. Eliminare la claustrofobia con l'aiuto di droghe dovrebbe essere applicato solo dopo che tutti gli altri metodi di trattamento sono stati inefficaci - questo è l'opinione della maggior parte degli esperti. Le pillole non influiscono in alcun modo sul problema stesso, aiutano solo a smorzare i sintomi e quindi, quando una persona smette di bere, i sintomi ritornano. Pertanto, la terapia farmacologica deve essere utilizzata in combinazione.

    Metodi popolari Molti usano i rimedi omeopatici nel trattamento della claustrofobia, ma non ci sono ancora prove confermate dei loro benefici e dei loro danni.

    Aiutati. Nella maggior parte dei casi, è impossibile liberarsi dei problemi con la paura dello spazio limitato. Ma è necessario imparare indipendentemente come affrontare la paura indipendentemente durante un attacco. Durante un attacco di panico, devi provare a respirare il più profondamente possibile, cercare di rilassarti e pensare in modo chiaro e sobrio. È anche imperativo convincere noi stessi che la paura è infondata e non c'è motivo di farsi prendere dal panico. Puoi provare a scappare dai sentimenti spiacevoli, pensare a qualcosa di piacevole, prendere le mani. La cosa principale è non pensare alla paura e scomparirà.

    Paura dello spazio, soggiorno e movimento in esso

    Questo gruppo include quattro tipi di paure:

  • claustrofobia (paura di trovarsi in uno spazio ristretto);
  • agorafobia (paura di muoversi e stare nello spazio aperto);
  • acrofobia o gipsofobia (paura di restare in cima);
  • amaxofobia (paura di trovarsi nei trasporti pubblici).

    Le paure ossessive legate allo spazio sono tra le fobie più comuni. La paura dello spazio, che attraversa il confine condizionale critico tra la norma e la patologia, assume la forma di disturbo ansiofobico.

    Questa paura è assolutamente priva di significato, non è suscettibile di controllo e comprensione da parte della persona che soffre del disturbo. L'ansia ossessiva e intensa aumenta col tempo, prendendo possesso di tutti i pensieri e le azioni del paziente. L'uomo con la paura di ricorrere di evitamento, che porta ad una diminuzione del numero di contatto sociale, limitazione della zona di "comfort", l'isolamento totale o parziale da parte della società, è impossibile svolgere le funzioni e priva il paziente di quasi tutti i piaceri della vita. Un individuo con una forma grave del disturbo spesso non è in grado di provvedere a se stesso con le cose fondamentali e più necessarie per la vita (cibo, medicine, ecc.).

    La paura dello spazio ha pronunciato manifestazioni fisiche (somatiche), psicologiche, cognitive e comportamentali. Abbastanza spesso, i disturbi sono combinati con attacchi dolorosi di attacchi di panico. I sintomi fisici della paura colpiscono tutti gli organi umani, innescando un meccanismo per lo sviluppo di gravi malattie somatiche. Gli scienziati americani (Houston Medical School) nei loro studi hanno scoperto che l'ansia a lungo termine causa violazioni nell'apparato genetico.

    Secondo gli psichiatri russi, la paura spaziale è insita nell'80% delle persone, sebbene sia espressa in alcuni casi in misura minore, in altre - in una maggiore. Ha un contenuto specifico, ma è nascosto nel profondo del subconscio, quindi spesso non viene riconosciuto dalla persona. In molti casi, è molto difficile isolare questa paura dai pazienti come causa principale del disturbo.

    La paura ossessiva dello spazio, in qualsiasi grado della sua manifestazione, è spesso un sintomo, che indica la presenza di una malattia mentale diversa e più grave. Questa paura può servire come indicatore diagnostico nel contesto dei seguenti disturbi mentali:

    • Lo stato limite: varie nevrosi spesso "convivono" con la paura degli spazi.
    • Borderline: i disturbi d'ansia sono accompagnati da un'intensa paura fobica.
    • Borderline: la depressione è osservata negli stati d'ansia attuali gravi ea lungo termine.
    • Danni tossici al sistema nervoso centrale e al cervello derivanti dall'abuso di alcol, assunzione di sostanze stupefacenti, tossiche e altre sostanze psicoattive.
    • Danno cerebrale organico: il risultato di lesioni, malattie infettive e infiammatorie, neoplasie.
    • Malattie mentali endogene sviluppatesi in violazione dei processi metabolici nel cervello.
    • Stati psicopatologici acuti - psicosi.

    Il trattamento delle paure associate allo spazio è un processo piuttosto lungo e complicato, che utilizza preparazioni farmacologiche di vari gruppi e utilizza tecniche di psicoterapia. In caso di una forma grave della malattia, è necessario eseguire un trattamento in un ospedale sotto la supervisione di psichiatri esperti.

    ISCRIVITI AD UN GRUPPO di VKontakte dedicato ai disturbi d'ansia: fobie, paure, pensieri ossessivi, ESR, nevrosi.

    Piromania: cause, manifestazioni, trattamento della passione patologica per incendio doloso

    Uno dei tipi di sindromi patologiche è la piromania. Sulle cause dello sviluppo, segni e metodi di trattamento della passione anomala per incendio doloso.

    La maggior parte delle persone comuni considera lo stress come un'esperienza negativa, dolorosa causata da difficoltà insolubili, ostacoli insormontabili, speranze insoddisfatte.

    Cause di fobie

    Ci sono due ragioni principali che giocano un ruolo significativo nel verificarsi di disturbi ansiofobici: fattori genetici (ereditari) e sociali. Oggi ci sono diverse ipotesi riguardo le cause delle fobie. Fattore ereditario Secondo i dati pubblicati dall'American Psychiatric Association, se uno dei genitori ha paura ossessiva, il futuro bambino ha il 25% di rischio di "guadagnare" una fobia. Se disturbi ansiosi del fobico [...].

    Paura - un'emozione individuale che si verifica quando si verificano o si anticipano situazioni minacciose o immaginabili e intrattabili. Leggi di più

    Rottura nervosa - una figura pronunciata, che indica un grave malfunzionamento nel funzionamento e nell'interazione dei sistemi corporei. Leggi di più

    Apatia: cosa fare con indifferenza dolorosa?

    L'apatia è uno stato di indifferenza, indifferenza, passività. Informazioni su cause, sintomi e metodi di trattamento delle informazioni dettagliate sull'apatia nell'articolo. Leggi di più

    Attacchi di panico: sintomi, cause, trattamento

    L'attacco di panico è un paziente irrazionale, incontrollabile, intenso, tormentato con un attacco di panico accompagnato da vari sintomi somatici. Leggi di più

    La maggior parte delle persone comuni considera lo stress come un'esperienza negativa, dolorosa causata da difficoltà insolubili, ostacoli insormontabili, speranze insoddisfatte. Leggi di più

    Teen suicidio: come proteggere un bambino dal suicidio

    Il problema dei suicidi per adolescenti è uno dei temi di attualità dei tempi moderni. Cause, sintomi e metodi per prevenire i suicidi infantili. Leggi di più

    Suicidio: cause, tipi, prevenzione

    Il problema dei suicidi è diventato particolarmente rilevante negli ultimi decenni. Cause, tipi, misure preventive per prevenire il suicidio. Leggi di più

    Neurosi del disturbo ossessivo-compulsivo: cause, sintomi, metodi di trattamento

    La nevrosi ossessiva è un disturbo del livello nevrotico. Quali sono i sintomi della malattia? Come sbarazzarsi di ossessioni e compulsioni? Leggi di più

    Psicosi: cause, tipi, segni e trattamento del disturbo

    La psicosi è un grave disturbo pronunciato di livello psicotico. Cause, tipi, sintomi e metodi di trattamento della psicosi. Leggi di più

    Neurosi: tipi, segni, metodi di trattamento

    La nevrosi è un disturbo comune registrato nei bambini e negli adulti. Leggi le cause, i sintomi, i tipi e i metodi di trattamento della nevrosi. Leggi di più

    Ansia: come sbarazzarsi dell'ossessione

    Ansia - una condizione comune che si verifica quando l'azione di fattori stressanti o l'anticipazione di problemi. Leggi di più

    L'angoscia ha un impatto negativo sulla condizione umana. Definizione di sofferenza, descrizione dei sintomi e cause. Leggi di più

    Paure e fobie del segno zodiacale

    Le stelle possono dire molto sui tratti, le abitudini e i comportamenti del tuo personaggio. Ma lo sapevate che le paure e le fobie di ogni persona sono determinate anche dall'oroscopo della sua nascita? Ti suggeriamo di dare un'occhiata!

    Trova il tuo segno e scopri quale fobia sei maggiormente colpita. Allora, a quale paura le hanno condannato le stelle?

    La prima e principale paura naturale di tutto l'Ariete è la claustrofobia (paura dello spazio ristretto). Hanno paura di perdere la libertà di azione e movimento. Pertanto, è più facile per un rappresentante di questo segno salire al cinquantesimo piano piuttosto che prendere l'ascensore lì. Anche l'Ariete è molto socievole e questa qualità spesso provoca l'isolofobia - la paura di essere soli. La situazione è aggravata dal fatto che l'Ariete apprezza molto la sua libertà e quindi non ha fretta di iniziare una relazione seria. Anche la prospettiva di una data romantica emergente spaventa alcuni uomini dell'Ariete. Tutti i rappresentanti di questo segno sono estremamente sensibili al loro spazio personale, dove raramente a chiunque è permesso "alla corsa".

    Queste persone amichevoli e calme raramente si rivelano pienamente. Solo gli amici e parenti più stretti possono essere consapevoli dei sentimenti e dei brutti aspetti delle emozioni del Toro. In generale, poco può spaventare i rappresentanti di questo segno. I tori sanno come spazzare via le loro paure come fastidiose mosche. Non credono nel misticismo e quindi non sono intimiditi dalle storie di fantasmi, lupi mannari e vampiri. Il Toro sarà spaventato solo nel caso di un incontro personale con qualcosa di misterioso e non suscettibile di spiegazione scientifica, e anche allora faranno tutto il possibile per dimenticare questo incidente il prima possibile. Ma dal momento che i soldi del Toro assegnano uno dei ruoli principali nella loro vita, hanno spesso la paura di essere in povertà.

    Le persone di questo segno meglio di altre riescono a dare ai pensieri una forma convincente, che consente loro di salvarsi da esperienze non necessarie. I gemelli sono abituati a sottoporre qualsiasi fenomeno o evento a un'attenta analisi, ma questo non li aiuta ad affrontare le loro paure subconsce. Più di ogni altra cosa, i rappresentanti di questo segno hanno paura di ciò che non capiscono: profondità, oscurità e spazi chiusi. Inoltre, i Gemelli hanno un sistema nervoso estremamente labili e una bassa soglia di sensibilità al dolore, quindi anche il dolore minore li spaventa.

    Tali tratti come l'impressionabilità, la timidezza e l'isolamento in se stessi fin dalla giovane età, forniscono a Racu lo sviluppo di varie fobie. Nessun altro segno dello zodiaco può "vantarsi" di una tale gamma di paure: claustrofobia, paura della profondità e paura del buio. Inoltre, questo segno permaloso ha molta paura di parlare in pubblico. Inoltre, sulla base di questa paura, può sviluppare una fobia da cataphor (paura del ridicolo). E poiché i tumori sono segni emotivamente instabili, spesso hanno le seguenti fobie: aviofobia (paura di volare in aereo) e tachofobia (paura di guidare ad alta velocità). Nei rapporti con un partner, i rappresentanti di questo segno zodiacale sono incredibilmente stabili, a cui contribuiscono molto la venustrafobia (paura delle belle donne) in Cancro uomini e l'androphobia (paura degli uomini) nelle donne Cancro.

    Sembra che il Fato non abbia alcuna possibilità di spaventare l'intrepido Leone, ma i suoi principali vantaggi sono anche la fonte principale delle sue fobie. La paura di perdere la propria dignità e la paura di "entrare in una pozzanghera" continua a riempire questo segno tutto il tempo. Inoltre, i Lions sono spesso soggetti a fobie ossessive che resteranno fraintese e sottovalutate. Queste persone vane hanno costantemente bisogno di discorsi lusinghieri e lusinghieri sulla propria personalità. E i Lions sono diffidenti nei confronti di persone in camice bianco. Hanno paura dei dentisti, dei chirurghi e in generale di qualsiasi procedura medica. Salendo a bassa quota, molti leoni sono leggermente storditi. A loro non piacciono gli spazi chiusi, in particolare i loft e gli ascensori.

    Sognare e parlare di qualcosa non è affatto un'occupazione adatta per le Vergini che hanno una mente razionale insolitamente sobria. Non sono dati per rilassarsi, quindi hanno abbastanza paure. Dal momento che i Virgos sono fortemente dipendenti dalle opinioni di altre persone, temono la possibilità di essere ridicolizzati, essendo oggetto di battute e pettegolezzi. Uomini-Virgans conoscono venustrafobiya (paura delle belle donne). Tuttavia, i virgos di entrambi i sessi raramente credono nel puro amore, e quindi possono benissimo soffrire di gamofobia (paura del matrimonio / matrimonio). La ragione della paura dei rappresentanti di questo segno può anche essere insetti. La blattofobia (paura degli scarafaggi) o l'aracnofobia (paura dei ragni) è ben nota a molte Virgos. Alcuni Dev possono avere un sacco di paure, che contribuiscono allo sviluppo della fobofobia (paura di possibili spaventi).

    Le scale sono facili da fare compromessi, ma non sempre riescono a gestire i propri sentimenti ed emozioni. I rappresentanti di questo segno soffrono di frequenti sbalzi d'umore, quindi, periodicamente sono coperti da una terribile depressione. Le squame hanno paura del panico nei confronti dei rettili (specialmente le rane e i serpenti li spaventano), così come gli insetti. La soglia dello studio medico Bilancia passo come ultima risorsa, perché non sopportano alcun dolore. Spesso i rappresentanti di questo segno creano presto una famiglia solo perché hanno paura della solitudine. Ma la più grande fobia della Bilancia è la paura della morte.

    Gli Scorpioni hanno un'intuizione incredibile e sono in grado di prevedere il cambiamento di umore delle persone che li circondano. Queste sono le uniche persone da tutti i segni dello zodiaco che praticamente non conoscono le paure - tuttavia, dopo tutto, loro stessi possono spaventare chiunque! Se lo Scorpione sviluppa una fobia, è molto originale: ad esempio, la paura del gioco d'azzardo, degli albini o degli angoli acuti. Ma la maggior parte di queste persone segrete ha paura di rivelare i propri segreti.

    Gli arcieri sono risoluti, socievoli e incredibilmente energici, quindi non puoi chiamarli codardi. I rappresentanti di questo segno sono grandi fan degli sport estremi. Sono sempre pronti a lanciare il loro seno nella camera. Arcieri cosa pensano, dicono, e quindi sono incredibilmente infuriati quando gli altri intorno a loro sono accusati di frode. La mentalità mistica dà origine alla loro paura degli spiriti maligni. E poiché il Sagittario è un segno molto amante della libertà, sono ben noti per la claustrofobia (paura degli spazi ristretti).

    Il Capricorno vive, se funziona, e se funziona, vive. Le persone di questo segno amano essere soli. Forse è perché all'interno di un Capricorno orgoglioso e sicuro di sé si nasconde spesso un incarnato con molte paure. Più spesso, i rappresentanti di questo segno combattono tutte le loro vite (e vincono!) Con l'aerofobia (paura di volare) e l'agorafobia (paura di grandi folle). Inoltre, la vita di molti Capricorni avvelena l'ipocondria (la paura di una grave malattia).

    Acquario - persone incredibilmente curiose con immaginazione ben sviluppata e intuizione eccellente. Forse sono queste caratteristiche del carattere che rendono questo segno socievole a volte si ritirano in se stesso, cercano la calma e la solitudine. E tutto perché l'Acquario ha molta paura del dolore emotivo e fisico che le altre persone possono causarle. E lasciati soli con se stessi, cominciano subito a soffrire di isolamento. Nella vita dell'Acquario si alternano costantemente due fobie: la paura del dolore e la paura della solitudine.

    I pesci sono così misteriosi che persino comunicando con loro tutta la tua vita, non puoi mai arrivare al fondo della loro essenza. I rappresentanti di questo segno hanno una credenza fortemente sviluppata nel misticismo, che contribuisce allo sviluppo della loro paura della forza del male e di tutte le incognite. Credono nei fantasmi, negli yeti, nelle streghe, nei fantasmi, negli zombie e negli alieni. Inoltre, se durante l'infanzia venivano severamente puniti, allora in Pesci adulti si può sviluppare la mastigofobia (paura patologica delle punizioni corporali).

    In questa lista non sono elencate tutte le fobie dei diversi segni dello zodiaco, ma solo quelle più comuni. Di cosa hai paura?

    Ti piace questo articolo? Condividi con i tuoi amici su Facebook:

    Cos'è la claustrofobia: trattamento, sintomi

    La claustrofobia appartiene alla categoria dei disturbi d'ansia, che si manifestano sotto forma di attacchi di panico quando entra in uno spazio chiuso. Una persona claustrofobica ha paura di trovarsi in posti come la metropolitana, gli ascensori e altri spazi angusti che non hanno finestre. Molto spesso, la patologia in questione è caratterizzata da una perdita di controllo sul proprio corpo e attacchi di asma. L'ansia aumentata è la causa principale di un attacco di panico, che può provocare la perdita di coscienza. In questo articolo vedremo cosa è la claustrofobia e parleremo di come affrontare questa malattia.

    La claustrofobia è un disturbo d'ansia caratterizzato da una paura irrazionale e ossessiva dello spazio confinato.

    Natura della patologia

    Qual è la paura dello spazio confinato? Il termine "claustrofobia" è una fusione di due parole di lingue diverse. Claustrum in latino si riferisce ad una stanza chiusa, e il termine "Phobos" è tradotto come paura. È importante notare che la malattia in questione non si manifesta sempre sotto forma di paura dello spazio ristretto. Spesso i sintomi della malattia compaiono in condizioni claustrofobiche "normali", con fattori che possono limitare la libertà di movimento. Secondo le statistiche, la malattia può verificarsi durante una visita in un salone di bellezza, per varie procedure. Spesso, la sensazione di ansia nei pazienti aumenta con l'uso di vestiti stretti.

    La presenza della malattia ha un impatto negativo sulla vita del paziente. La paura di un attacco di panico può indurre una persona ad abbandonare l'uso della metropolitana e dell'ascensore. La maggior parte delle persone con questa patologia sono pronte ad agire a scapito di se stesse, solo per evitare una situazione che potrebbe portare a cadere in stanze chiuse. Abbastanza spesso, con un problema simile, la gente rifiuta di eseguire la risonanza magnetica a causa della paura del tomografo.

    Non importa quanto possa apparire paradossale, la presenza della malattia fa sì che le persone riducano significativamente la larghezza del loro spazio di vita personale. La claustrofobia implica il rifiuto dell'uso di ascensori e metropolitane, così come visite a scantinati, bagni, saune e altre stanze dove non ci sono finestre. La ricerca relativa all'argomento ha rivelato una statistica interessante. Secondo le statistiche, il trenta percento degli abitanti del nostro pianeta ha la claustrofobia. Tuttavia, solo poche persone di questo numero cercano assistenza medica. Molte persone hanno un ingiustificato senso di vergogna a causa della presenza di paure inspiegabili che impediscono loro di cercare uno specialista.

    Quadro clinico

    Prima di parlare delle manifestazioni cliniche di questa malattia, dovresti parlare della differenza tra i termini "sintomo" e "sintomo". I sintomi sono cambiamenti nello stato fisiologico e psicologico che il paziente stesso sente. Segno - una condizione che è evidente agli altri, ma è la norma per il paziente. Se dai esempi specifici della vita reale, i sintomi della claustrofobia sono una perdita di connessione con la realtà circostante, un aumento della temperatura corporea e una maggiore sudorazione. I segni di questa fobia si manifestano sotto forma di gesti caotici e cambiamenti nel colore della pelle nella direzione delle sfumature pallide.

    Il nome del disturbo deriva dalla parola latina claustrum - "stanza chiusa" e dal greco φόβος - "paura"

    I principali sintomi della malattia in esame sono caratterizzati da manifestazioni di disturbo, che hanno una riflessione sia fisica che emotiva. Va notato che anche il solo pensiero di visitare luoghi con spazi ristretti può causare un aumento dell'ansia. Spesso questi pensieri hanno una forma ossessiva, che causa l'apparenza di delusioni. Molti claustrofobici temono di essere sepolti vivi.

    Uno studio attento di questa malattia ci ha permesso di identificare i luoghi più comuni che causano attacchi di panico. Tra questi ci sono ascensori, supermercati, sottopassaggi, scantinati, stanze chiuse a chiave e altre stanze dove non ci sono finestre. È importante notare che i sintomi della malattia possono manifestarsi in condizioni "normali", quando ci sono molte persone in una stanza spaziosa. Un aumento del livello di ansia in una tale situazione può essere spiegato dalla paura del soffocamento a causa di una possibile mancanza di ossigeno. La paura di spazi ristretti fa smettere molti pazienti di usare auto, treni e aerei. Si può sviluppare un senso di panico quando si visita un autolavaggio automatico e si esegue una procedura di risonanza magnetica.

    Secondo gli esperti, una situazione che limita le azioni può aumentare l'ansia. Tali situazioni includono ingorghi, visite ai saloni di bellezza e persino una coda al cassiere del negozio. I principali sintomi della malattia sono espressi come una sensazione di mancanza di aria e altri problemi associati agli organi respiratori. Molto interessante è il fatto che questo problema si forma pochi minuti prima dell'attacco di panico stesso. Inoltre, le seguenti manifestazioni sono caratteristiche di questa malattia:

    • aumento della frequenza cardiaca e aumento della frequenza cardiaca;
    • rapido aumento della pressione sanguigna;
    • periodi di nausea, vertigini e emicranie;
    • perdita di orientamento nello spazio e nel tempo;
    • brividi, secchezza delle fauci, tremore e sudorazione.

    È importante notare che la presenza di patologia associata alla paura degli spazi chiusi, lascia il segno sul comportamento umano. È possibile determinare il claustrafoba in caso di eventi affollati a causa del fatto che molti dei pazienti preferiscono stare vicino alla porta. Quando si visitano luoghi sconosciuti, persone affette dalla malattia, prima di tutto si cerca di verificare la disponibilità dell'uscita. Molti pazienti rifiutano di utilizzare serrature e porte interne per ridurre il proprio livello di stress. Gli specialisti che studiano questo argomento dicono che molti dei loro pazienti evitano di usare ascensori e viaggi durante le ore di punta.

    Tutti i claustrofobici tendono ad evitare luoghi "pericolosi", anche se a spese di

    Cause della malattia

    La maggior parte degli esperti afferma che la claustrofobia ha "radici infantili". I primi segni della malattia compaiono nel periodo da quattro a sedici anni. Molti ricordi dall'infanzia del paziente si riferiscono a varie situazioni che sono associate all'ansia e al panico. La ragione per lo sviluppo della paura dei locali al chiuso può essere una situazione che comporta un trauma psicologico. Consideriamo le situazioni più stressanti che possono causare l'apparizione della patologia:

    1. Un viaggio in un ascensore difettoso che era permanentemente bloccato tra i piani.
    2. Punizione dei genitori, costringendo i bambini a stare in una stanza chiusa per lungo tempo.
    3. La situazione in cui il bambino è bloccato in una recinzione, un letto o un tubo e non può uscire da solo.
    4. Incidenti stradali

    Oltre a tutto quanto sopra, i compagni di classe possono scherzare con la claustrofobia quando uno degli studenti è rinchiuso nella toilette. Spesso lo sviluppo della malattia precede gli episodi associati al fatto che un bambino che non sa nuotare, comincia ad affondare. Secondo i dati scientifici, esiste un'alta probabilità di trasmissione ereditaria della malattia. Ciò significa che la presenza del disturbo d'ansia in questione in uno dei genitori aumenta significativamente il rischio di suscettibilità del bambino a varie nevrosi.

    Secondo gli esperti, anche una ricca immaginazione di un bambino può provocare una malattia.

    Molti adolescenti, di fronte agli eventi di cui sopra come testimone oculare dell'incidente, iniziano a provare la situazione da soli. Film horror, articoli su giornali e Internet, così come le storie dell'orrore associate alla fonte della paura, possono influenzare negativamente il subconscio del bambino. La paura dello spazio chiuso nell'età adulta può essere innescata proprio dalla ricca immaginazione del bambino, che non sa come usare per gli scopi giusti.

    Secondo gli esperti, è il trauma psicologico dei bambini a causare lo sviluppo della claustrofobia. Sulla base di questo fatto, dicono che ci sono parti separate del cervello che tengono traccia della paura. È interessante notare che la coscienza "adulta" non ha la capacità di controllare questi circuiti neurali. È questa caratteristica della coscienza umana che spiega il fatto che la maggior parte dei pazienti comprende l'assurdità e l'irragionevolezza del loro comportamento, ma preferiscono comunque evitare di usare l'ascensore o di visitare la metropolitana.

    Le persone claustrofobiche sono costrette a limitare significativamente il loro spazio vitale.

    La relazione dell'amigdala e delle fobie

    Un attacco di panico sperimentato da vicino può causare disturbi d'ansia nell'età adulta. Secondo gli esperti, un alto rischio di sviluppare una situazione simile si verifica quando una persona ha malattie come la distonia vegetativa e disturbi nervosi somatoformi.

    Per molti anni, molti scienziati hanno lottato con la domanda sul perché la malattia in questione si manifesta solo in una certa parte della gente, sebbene la maggior parte delle persone nel mondo si trovi di fronte a vari fattori provocatori. Uno dei possibili motivi che aumentano il rischio di predisposizione è associato alle caratteristiche fisiologiche del cervello. Gli studi hanno dimostrato che nella maggior parte dei pazienti la dimensione dell'amigdala resta indietro rispetto alla norma stabilita. L'amigdala in sé è un dipartimento del cervello responsabile di varie emozioni, incluso un senso di paura. Esiste anche una teoria sulla presenza di uno o più geni, che sono il meccanismo scatenante per lo sviluppo di una fobia, ma non ci sono prove documentate di questo fatto fino ad oggi.

    Come determinare te stesso la presenza di claustrofobia

    Prima di parlare di come sbarazzarci della claustrofobia, prestiamo un po 'di attenzione all'autodeputazione della malattia. Su Internet, puoi trovare molti test diversi che aiutano a determinare la presenza di varie fobie. Tuttavia, va notato che le manifestazioni cliniche di molti disturbi d'ansia sono di natura generale. La claustrofobia ha sintomi e sintomi simili a malattie come la fobia sociale, la nevrosi della vescica e l'agorafobia.

    Poiché ciascuna di queste malattie ha le sue caratteristiche e richiede un approccio individuale al trattamento, è meglio diagnosticare la malattia in un contesto clinico. In caso contrario, tutte le misure adottate potrebbero non portare il risultato desiderato.

    La fase iniziale della claustrofobia può verificarsi con sintomi piccoli o assenti.

    Metodi di trattamento

    Il trattamento della claustrofobia, così come ogni altro disturbo d'ansia, richiede effetti complessi, tra cui la terapia farmacologica, la correzione psicologica e le tecniche di rilassamento. L'uso di farmaci consente di alleviare l'ansia e prevenire lo sviluppo di un attacco di panico. Nonostante l'efficacia dell'uso di droghe, l'uso di droghe consente solo di attutire l'attacco, ma non elimina il problema stesso. Inoltre, vi è la probabilità di effetti collaterali e recidiva della malattia. Ecco perché gli esperti raccomandano l'uso di vari farmaci dal gruppo di antidepressivi e neurolettici solo come parte di un trattamento completo.

    Tra la terapia di rilassamento dovrebbe evidenziare l'efficacia della ginnastica respiratoria, il rilassamento muscolare progressivo, meglio noto come la tecnica Jacobson e la meditazione. Tali esercizi possono ridurre significativamente il grado di ansia e prevenire il panico. Ci sono allenamenti autogeni speciali che aiutano a eliminare molti disturbi d'ansia.

    Anche le sessioni di correzione psicologica non sono importanti nel trattamento di varie fobie. Uno specialista altamente qualificato può fornire un'assistenza preziosa e insegnare metodi per affrontare varie paure. Ad oggi, i seguenti metodi di correzione mentale sono usati nel trattamento della claustrofobia:

    1. Terapia DPDG ed EMDR;
    2. tecniche cognitive comportamentali;
    3. trattamento strategico;
    4. immersione in uno stato di trance.

    È importante notare che vari metodi di conversazione, tra cui la psicoanalisi e le tecniche gestaltiche, non sempre consentono di ottenere un risultato stabile.

    Inoltre, Sulla Depressione