Depressione postpartum: cause, prevenzione e trattamento della malattia

La nascita di un bambino è sempre l'emozione positiva dei genitori, l'affetto con le braccia e le gambe piccole, la gioia dei primi sorrisi e dei movimenti significativi. Tuttavia, nella rete ci sono spesso articoli, foto, che evidenziano la dura vita di una giovane madre, spesso questo è vero.

La donna è sfinita: non dorme molto, mangia in frammenti e, oltre a prendersi cura del bambino, cerca di rendere più confortevole la vita del resto della famiglia.

Le interruzioni nervose stanno diventando più frequenti e hanno un effetto negativo sui rapporti familiari. Per non accusare di mostrare emozioni eccessive, di non nasconderle in se stesse, ogni giovane madre dovrebbe sapere come affrontare la depressione postpartum, perché questi sono i suoi sintomi.

motivi

Gravidanza e parto - è stressante per il corpo della donna, non importa quanto suoni banale. Sebbene la gravidanza e la nascita siano concepite per natura, si dovrebbe riconoscere che le donne moderne non sono pronte a far fronte a questi compiti da soli.

Se hai mai osservato un parto, ad esempio un gatto, potresti aver notato che non ha bisogno di alcun aiuto ostetrico e che i veterinari sono presenti alla nascita con i gattini estremamente raramente. Se la donna incinta moderna è capace di non diventare perplessa prima che il travaglio inizi in un tempo inopportuno? Questo è improbabile.

La depressione postpartum è una condizione patologica di una donna appena nata, associata a cambiamenti nei livelli ormonali, maggiore responsabilità, faccende domestiche e monotonia della vita.

Si manifesta con un intero complesso di sintomi: questo è un improvviso cambiamento di umore, e incontrollabili esplosioni di rabbia e isteria, e un sentimento di colpa incomprensibile per tutto quanto sopra.

Per la medicina del nostro tempo, questo stato è un grosso problema, perché è poco studiato, ei suoi sintomi sono simili ad altri tipi di depressione e psicosi.

Le statistiche mostrano che la depressione postpartum nelle donne si verifica nel 10-15% dei casi, ma solo il 3-4% di essi si rivolgono a psicologi o medici per chiedere aiuto.

Oltre alle cause fisiologiche (cambiamenti ormonali, affaticamento, dolore, ecc.), La condizione di una donna dopo il parto è determinata dalle cause di natura emotiva e psicologica:

  • maggiore responsabilità, percezione accresciuta del mondo circostante;
  • consapevolezza del nuovo ruolo sociale ("genitore"), del desiderio di comprendere e accettare le azioni dei genitori, che involontariamente emergono nel ricordo di una donna;
  • paura dei cambiamenti nel proprio corpo (l'aumento di peso non è l'ultimo di essi);
  • la discrepanza tra il desiderato e il reale (se aspettavano la figlia, e nacque un figlio, o la nascita era difficile, e il sostegno del partner non fu ricevuto, come previsto).

I sintomi della depressione della giovane mamma

Alcuni scienziati non secernono la depressione postpartum, in una malattia separata, considerando che questo è solo un tipo di depressione che richiede un trattamento medico. In effetti, le manifestazioni della malattia sono simili alla depressione, alla psicosi.

È anche necessario differenziare tale diagnosi con lo stress ordinario, che è spiegato da cambiamenti nella vita, nello stile di vita e nelle difficoltà nel comunicare con i parenti.

Lo stress che insorge dopo il parto di solito passa in 2-3 settimane, non appena la giovane madre ha migliorato le sue attività quotidiane e la paura del bambino scompare, la paura di danneggiarlo con movimenti incuranti.

Inoltre, i genitori appena coniati si adattano alle nuove condizioni di vita (possono essere difficoltà finanziarie e problemi di natura intima) e gradualmente tutto va nel suo stesso solco, lo stress si allontana.

Se lo stress causato da nuovi eventi dura per 2-3 settimane, quanto può durare la depressione postpartum? Non c'è una risposta chiara a questa domanda.

Due donne su dieci che soffrono di questo disturbo sono in uno stato depressivo anche dopo un anno dalla nascita di un bambino, e alcune "non lasciano andare" fino a quando non vanno al lavoro.

I sintomi della depressione non si limitano alle manifestazioni emotive, ma influenzano anche la fisiologia:

  • irritabilità;
  • frequenti sbalzi d'umore;
  • stato depresso;
  • aumento dell'ansia;
  • tendenza a manifestazioni isteriche, riluttanza a prendere contatto con i parenti, rifiuto di aiutare;
  • cambiamenti nel lavoro di tutti gli organi e sistemi: palpitazioni cardiache, mancanza di respiro, raffreddori frequenti;
  • immunità ridotta;
  • perdita di appetito;
  • perdita di interesse nella vita: hobby abbandonati, amici dimenticati;
  • disturbi del sonno: incapacità di addormentarsi, anche se è certo che il bambino è al sicuro nelle cure del padre o di un altro membro della famiglia;
  • paura di non essere responsabile per il bambino, spesso questo sintomo è aggravato dalla pressione degli altri;
  • cambiamento di atteggiamento nei confronti del bambino: cura eccessiva per lui o indifferenza accentuata.

I segni della depressione postpartum non sono gli stessi per le donne diverse, il loro numero e grado di manifestazione dipendono da fattori provocatori, dall'atteggiamento individuale della giovane madre al problema che si è presentato.

I medici distinguono un certo numero di condizioni sociali e di vita, in presenza delle quali aumenta il rischio di ammalarsi di questo tipo di depressione:

  • basso tenore di vita;
  • stati depressivi nel recente passato, non legati alla gravidanza e al parto;
  • la depressione dopo il parto avveniva nella madre, nella nonna o nella sorella della giovane madre;
  • dipendenza da alcol o altre cattive abitudini;
  • mancanza di aiuto da parte degli altri intorno alla casa e cura del bambino;
  • conoscenza insufficiente sul processo del parto, sull'assicurare la vita del bambino nel primo anno della sua vita;
  • rapporti conflittuali con la propria madre nell'adolescenza o persino nell'età adulta.

Prevenzione della depressione postpartum

Indipendentemente da quanto tempo la depressione postpartum dura per diversi giorni o più di un anno, il suo aspetto può e deve essere prevenuto.

Le attività del ginecologo osservante, ostetrico nell'ospedale di maternità, il medico curante dovrebbero essere finalizzate a stabilizzare lo stato psicologico della donna in travaglio, a padroneggiare con successo il nuovo ruolo, ad adempiere alle responsabilità genitoriali senza pregiudizio per se stessi e le relazioni personali in famiglia.

Nelle consultazioni femminili si tengono lezioni, che raccontano di come si svolgono la gravidanza e il parto, come prepararsi per la nascita di un bambino, quali cambiamenti attendono il fragile corpo femminile.

Alcune ore sono dedicate alla depressione postpartum: come affrontarla, come cambiare il tuo stile di vita, alleviare le sue manifestazioni e stabilizzare la condizione.

La prevenzione della depressione include una discussione con il compagno di vita dei nuovi ruoli del padre e della madre, la definizione delle aree di responsabilità. Ad esempio, papà può aiutare a fare il bagno al bambino, alzarsi da lui di notte e portare il bambino dalla madre per l'alimentazione, sarebbe anche bello affidare all'uomo di camminare con un passeggino: questa è la cosa meno difficile, ma la giovane madre ha tempo per se stessa.

Parla questi punti importanti, gli psicologi consigliano prima della nascita. Sarà utile fare un tavolo, denotando lì, per quali momenti papà è responsabile, e per quale mamma.

La depressione postpartum, le cui cause sono diverse, può ritirarsi se si evitano in anticipo tutti i fattori che lo provocano. Ad esempio, non aspettarti molto dal parto, non dare per scontato la nascita di un figlio di un certo sesso, non impegnarsi nella preparazione anticipata della stanza dei bambini in rosa o blu.

Sarebbe meglio se la coppia imparasse a gestire le proprie emozioni, a percepire tutti i cambiamenti nella propria vita come positivi, a essere pronti per ogni evenienza.

Una donna dovrebbe prepararsi al fatto che il parto non è un processo semplice, ma azioni coordinate di medici, ostetrici, donne in travaglio e un bambino, che quando un bambino nasce, dolore psicologico, disagio e un'ampia varietà di sentimenti diversi sono presenti, dalla vergogna alla gioia.

Per la prevenzione della depressione postpartum, sarà anche utile discutere con tua madre di come è andata la sua fatica, e di dare voce e risolvere almeno una parte delle aspettative, delle paure e dei problemi dei bambini.

Trattamento di depressione postpartum

Come una condizione naturale del corpo, la depressione postpartum di solito non richiede un trattamento ospedaliero. Se una donna non può far fronte da sola e l'aiuto dei suoi parenti non allevia la condizione, ma aggrava il processo, è consigliabile consultare un medico.

Un medico competente esaminerà le cause della condizione patologica, se necessario, effettuerà una diagnosi differenziale, selezionerà un trattamento farmacologico per la depressione postpartum.

Ma nella maggior parte dei casi, la correzione della condizione con l'aiuto di pillole non è necessaria: abbastanza cambiamenti nello stile di vita.

Per capire come uscire dalla depressione postpartum, devi capire cosa l'ha provocata, cosa preoccupa una donna e quale dei sintomi è più pronunciato. Ad esempio, se una donna crede che solo lei è responsabile per il bambino, poi gradualmente è necessario iniziare a delegare i diritti ad altri membri della famiglia.

La nonna può leggere il bambino, e la madre in questo momento si prenderà cura di se stessa, fare il bagno, leggere una rivista preferita o parlare al telefono con un amico. O papà farà una passeggiata con una carrozza, e una donna in questo momento andrà a fare shopping, si guarderà una nuova cosa alla moda.

Non c'è bisogno di vivere questo problema da soli e chiedersi come sbarazzarsi della depressione postpartum. Sentiti libero di chiedere aiuto a tuo marito. È noto che la discussione del problema e il riconoscimento del fatto della sua esistenza sono la metà della soluzione.

È importante in questo periodo osservare uno stile di vita sano:

  • mangiare un equilibrato, allo stesso tempo, 5-6 volte al giorno;
  • non trascurare gli sport, le escursioni, il trascorrere del tempo nella natura;
  • non dimenticare di dedicare tempo a te stesso, prenditi cura del tuo aspetto, perché in un corpo sano c'è una mente sana;
  • è sufficiente dormire e riposare durante il giorno, se il sonno della notte è intermittente e insufficiente nel tempo, trovare un paio d'ore per il sonno diurno contemporaneamente al bambino.

Se tutte queste misure e simili sono fallite, il medico può decidere sulla nomina di sedativi, antidepressivi e vitamine.

È vero, la selezione del trattamento farmacologico è limitata a causa del fatto che alcuni strumenti sono controindicati nell'allattamento al seno e l'effetto delle erbe sul corpo di una donna che allatta non è ben compreso.

Gli esperti notano che il più delle volte una crisi nello stato della donna che ha dato alla luce si verifica tra i tre ei nove mesi di vita del bambino, e la malattia può verificarsi in qualsiasi periodo.

Ma, dal momento che la gravidanza dura 9 mesi, o 40 settimane, è necessario approssimativamente lo stesso tempo per le donne per realizzare il loro nuovo ruolo al fine di iniziare a percepire adeguatamente se stessi e il loro posto nella famiglia, e per 9-10 mesi di vita del bambino la depressione scompare gradualmente per no

Quindi, la depressione postpartum è il solito stato fisiologico e psicologico di una donna dopo la nascita di un bambino, con l'aiuto di un medico o dei suoi cari, passa senza lasciare traccia e non può più essere torturata durante le successive, seconde o terze nascite.

Se si sospetta tale condizione, è necessario chiedere al medico come affrontare la depressione postpartum e, al fine di evitare farmaci, consiglierà di cambiare il proprio stile di vita e l'attitudine al problema.

Ma la cosa più importante che una donna può opporsi a depressioni di vario tipo è il buon umore, un atteggiamento positivo, l'amore per la sua famiglia e uno stile di vita sano. E poi la domanda su come si manifesta la depressione postpartum non si applicherà più a voi.

Autore: Polina Toropova,
specificamente per Mama66.ru

Depressione postpartum

La gravidanza è finita e tu sei diventata madre. Le congratulazioni dei parenti erano già calate ei fiori, con i quali il padre felice arrivò all'ospedale per la maternità, erano da tempo svaniti. È giunto il momento per la dura vita di tutti i giorni, piena fino all'ultimo minuto di pianto e di faccende domestiche dei bambini: lavare, pulire, cucinare e stirare.

Giri tutto il giorno come uno scoiattolo in una ruota, ma non hai ancora tempo. Non hai forza, tutto cade dalle tue mani, nessuno cerca di capirti e non c'è quasi più pazienza. Qual è il problema? Sembra che tu stia sperimentando una depressione postpartum. Si ritiene che circa il 10% delle giovani madri soffra delle sue manifestazioni.

Tuttavia, non confondere la depressione postpartum con blues postpartum. Il secondo inizia pochi giorni dopo la nascita del bambino. In questo caso, una donna spesso vuole piangere, si preoccupa di se stessa e del suo bambino, diventa tesa, irritabile, si sente stanca. C'è una versione che tale stato è causato da cambiamenti significativi nell'equilibrio degli ormoni. Di regola, dopo un paio di giorni dal blues post-partum non rimane traccia.

Quando inizia la depressione postpartum e quanto tempo impiega

La depressione postpartum è un fenomeno più serio. Mentre tutte le altre giovani mamme hanno già asciugato le lacrime e si stanno godendo la maternità, la donna che soffre di questo disturbo sta diventando sempre più infelice e irrequieta. È possibile che la depressione sia iniziata durante il periodo di gestazione e, dopo il parto, è peggiorata.

Ma succede in un modo diverso. Una donna si ammala alcune settimane o addirittura mesi dopo la nascita del bambino. All'inizio, riceve gioia dal prendersi cura di un neonato, ma poi la gioia viene sostituita dalla depressione. La vita per una giovane madre perde ogni significato.

Se parliamo di quanto dura la depressione postpartum, tutto dipende dalla gravità delle sue manifestazioni. Quindi la depressione lieve può durare fino a 6 mesi. Se la depressione postnatale è accompagnata da attacchi di psicosi, allora una tale condizione può perseguitare una donna per un anno o più. Va notato che l'atmosfera generale della famiglia, le condizioni di vita, la presenza o l'assenza di sostegno da parte dei propri cari, la situazione materiale e la natura della donna svolgono un ruolo importante nella lunghezza della depressione dopo il parto, poiché lo sviluppo della malattia spesso deriva dalla riluttanza a cercare aiuto.

I sintomi della depressione postpartum

Prima di procedere all'enumerazione dei sintomi principali della depressione postpartum, è necessario notare che non sempre compaiono in combinazione. Tuttavia, se noti almeno 4 dei segni descritti di seguito, questo è un motivo per pensare seriamente.

  1. Puoi piangere facilmente senza una ragione apparente;
  2. Il pianto di un neonato ti rende furioso. Sei pronto a tutto, purché questo minuscolo tiranno sia finalmente silenzioso;
  3. Sei ossessionato dalla sensazione che tutti i parenti stiano osservando ogni tua mossa e stiano costantemente aspettando quando incespichi per infastidirti nuovamente con i tuoi insegnamenti morali;
  4. Per la depressione postpartum è caratterizzata da una completa mancanza di gioia nella cura del bambino. E sebbene tu soddisfi regolarmente tutte le raccomandazioni del dottore, il bambino che hai indossato sotto il tuo cuore per tutti i 9 mesi improvvisamente è diventato completamente estraneo a te. Nessuno sta cercando di capirti e affrontare almeno parte dei problemi materni;
  5. Temendo di rompere in qualsiasi momento, provi a tenerti stretto. Tuttavia, la molla invisibile all'interno è compressa sempre più ogni giorno;
  6. L'intimità ti dà una sensazione di profondo disgusto;
  7. Il riflesso nello specchio ha cessato di farti piacere. Durante l'intera gravidanza, ti sei addormentato con il pensiero che dopo il parto si sarebbe ridiventato magro e aggraziato, ma la realtà si è rivelata troppo crudele per te. I jeans skinny alla moda giacciono sullo scaffale più lontano e indossano tutte le stesse tute larghe del sesto mese. Il tuo aspetto ti infastidisce.

Perché hai bisogno di combattere la depressione postpartum

Il fatto è che la depressione postpartum porta sofferenza non solo a te, ma al bambino. E sebbene il bambino sia ancora piuttosto piccolo, capisce anche di essere estraneo a te. Si scopre che il contatto emotivo, così importante in questa tenera età, manca tra voi. È stato dimostrato che la depressione postnatale nella madre influisce negativamente sullo sviluppo del neonato.

Inoltre, se non vi è alcun aiuto da parte dei propri cari e non si hanno riserve interne per affrontare la depressione dopo il parto, non ci si deve aspettare che il problema si risolva da sé. Al contrario, le tue condizioni peggioreranno solo ogni giorno. Non sei più sorpreso che le madri e le nonne parlassero del primo anno dopo la nascita, come un incubo? Quindi, il tuo incubo può durare da diverse settimane a diversi anni. E più a lungo non ti svegli, più influirà su tutte le aree della vita della tua famiglia.

Trattamento di depressione postpartum

Il trattamento della depressione postnatale comporta la consultazione obbligatoria di uno psicologo e di una terapia farmacologica. Di norma, nella depressione postpartum, alle donne vengono prescritti farmaci antidepressivi. Non aver paura di prendere farmaci - prendere antidepressivi di nuova generazione non è un motivo per rifiutare l'allattamento al seno, dal momento che questi fondi non hanno un impatto negativo sul benessere del bambino. Tuttavia, non dovresti impegnarti nell'auto-trattamento - qualsiasi pillola può essere presa solo come indicato da uno specialista.

Va notato che il trattamento della depressione postpartum comporta l'osservanza dei principi di un'alimentazione sana, un'attività fisica moderata, un riposo adeguato. Oltre a questo, una donna deve rendersi conto che il suo comportamento è sbagliato e cercherà sicuramente l'aiuto dei suoi parenti.

Il ruolo dei propri cari nel liberarsi della depressione postpartum

Molte nazioni hanno avuto una tradizione molto utile: dopo il parto, i parenti più stretti sono venuti dalla loro giovane madre e hanno assunto tutte le faccende domestiche, liberando la donna da loro. Ahimè, questa meravigliosa abitudine è nel passato. Ma questo non significa che non si possa chiedere aiuto a mamma, suocera o sorella. Ed è meglio farlo in anticipo, e non nel momento in cui la depressione postpartum ti ha già portato al limite.

Spiega come ti senti. Ti sembra solo che tutto sia chiaro, e qui non c'è nulla di cui parlare. In realtà, le cose sembrano diverse. Si può consigliare ai parenti di astenersi da frasi come "È ora di stringere te stesso e non diventare zoppicare" o "Nessuno merita un simile atteggiamento da parte sua". Comprendi che in uno stato di depressione postpartum, una giovane madre ha più bisogno di amore, conforto e aiuto reale.

Offri a tuo marito una volta alla settimana di organizzare una specie di "festa della mamma". Pianifica in anticipo cosa vuoi fare in questo giorno: vai al salone di bellezza, rilassati nella sauna, vai in piscina, vai a trovare il migliore amico. La cosa principale è uscire dalla casa, distrarre dalla situazione opprimente.

E sebbene molte raccomandazioni sembrino banali e ben conosciute da molto tempo, cerca di fare il primo passo verso la rimozione della depressione postpartum, anche se con la forza, e vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare.

Qual è la depressione postpartum e come liberarsene? 10 consigli utili

"Non voglio fare nulla e non posso fare nulla, piango e corro a fumare. Anche il pianto di un bambino mi infastidisce, "alcune donne che hanno recentemente dato alla luce descrivono le loro condizioni allo stesso modo. Grave depressione postpartum, e questi sono i suoi segni, secondo gli indicatori statistici, si verifica nel 12% dei genitori neo-coniati.

La situazione è anche complicata dal fatto che l'ambiente, e la madre stessa in congedo di maternità, non considerano questo fenomeno una malattia grave. Tuttavia, gli stati d'animo depressivi dopo il parto sono patologici e, se viene loro permesso di fluire autonomamente, spesso portano a gravi conseguenze per madri e bambini.

Cos'è?

Alla fine del terzo trimestre, molte donne iniziano a preoccuparsi di se stesse e, soprattutto, del bambino. L'ansia sorge a causa di una certa perdita di controllo sulla situazione, non sempre emozioni e sensazioni piacevoli. L'ansia aumenta ancora di più quando la mamma si rende conto che non può eguagliare l'immagine della "madre ideale".

Molto probabilmente, molti hanno formulato un'idea idealizzata di mamma in congedo di maternità: un bambino dalle guance rosee, una mamma appena fatta che brilla di felicità e un fiero capo della famiglia vicino. Immagina cosa succede allo stato psicologico di una donna nel primo mese dopo il parto, quando un neonato fa gravi adattamenti nella sua vita.

Qual è la depressione postpartum nelle neomamme? Nonostante l'atteggiamento ambiguo nei confronti di un tale fenomeno nella società, in medicina è considerato una malattia piuttosto grave - una forma di disturbo depressivo che si sviluppa durante i primi mesi dell'interazione della madre con il neonato.

Depressione o depressione postnatale?

È necessario separare la depressione dal solito blues, lo sconforto che si verifica nel primo mese dopo il processo di nascita. Una donna isterica a volte descrive i suoi sentimenti con le stesse parole ("piangendo", "Non posso addormentarmi", ecc.), Ma allo stesso tempo è felice con l'aspetto di un bambino nella sua vita.

La tristezza e il desiderio di solito passano in un mese o due, oltre a questo, questi stati non richiedono alcun aiuto specifico. Quali sono le sue differenze caratteristiche?

  1. Il disturbo depressivo postnatale di solito si manifesta entro pochi mesi dalla nascita di un neonato, ma i suoi sintomi possono anche comparire nell'intervallo di tempo fino a un anno dal momento della nascita.
  2. I sintomi della depressione postnatale non solo dura molto più a lungo (da 5-6 mesi a un anno o più), ma differiscono nella gravità di tutte le manifestazioni e nell'incapacità di fare qualsiasi cosa. I sintomi sono molto simili ai segni di altri tipi di disturbi depressivi.
  3. Il tempera scompare di solito completamente in un mese (un po 'di più), mentre la depressione postnatale si trasforma spesso in una forma cronica. Tale "travestimento" nasce dal non riconoscimento di questo stato da parte di una donna e dalla riluttanza a chiedere aiuto (la madre deve svolgere il ruolo socialmente riconosciuto di un genitore felice e premuroso). Un quinto delle donne con depressione non nota un miglioramento dopo 2-3 anni!
  4. Gli psicologi sono fiduciosi che la depressione postnatale porta a un ripensamento da parte della madre del ruolo dei propri genitori nell'educazione dei figli. Tale identificazione diventa la causa dell'attivazione di vari problemi e conflitti che non sono stati elaborati durante l'infanzia.

Oltre alle caratteristiche di cui sopra, la depressione postnatale è caratterizzata dal rifiuto categorico di una donna di assistenza medica o psicologica e dall'incapacità di affrontare il problema da sola. La ragione di questo è il senso di colpa: "Non posso preoccuparmi per il bambino, significa che sono una cattiva madre".

La situazione è in costante peggioramento e "cade" a tutti: il bambino, il marito, il resto della famiglia e altri parenti che non capiscono le ragioni dell'umore basso e rimproverano alla madre appena fatta di non prestare sufficiente attenzione ai doveri del bambino e della madre.

Forme di depressione postpartum

Il disturbo depressivo postnatale può manifestarsi in varie forme, ognuna delle quali si distingue per le caratteristiche speciali, la loro gravità e durata. Considerali in dettaglio.

Depressione nevrotica

Questo tipo di stato depressivo postnatale di solito si verifica nelle madri che hanno avuto alcuni disturbi nevrotici prima della nascita. Poiché il processo di nascita è una situazione stressante, c'è una esacerbazione dei disturbi esistenti.

In questo caso, la donna ha osservato:

  • stato irritato, rabbia e aggressività;
  • ostilità verso persone vicine;
  • panico costante;
  • palpitazioni cardiache;
  • aumento della sudorazione;
  • disturbo dell'appetito;
  • insonnia e altri disturbi del sonno;
  • problemi sessuali;
  • paura per la loro salute, particolarmente acuta di notte.

Inoltre, le madri tendono a sperimentare la propria mancanza di dipendenza. La sua autostima cala bruscamente e, di conseguenza, inizia a dipendere emotivamente dalle persone che la circondano.

Psicosi postpartum

In casi particolarmente difficili, una donna può avere pensieri ossessivi dopo il parto che riguardano l'idea di suicidio o il desiderio di danneggiare il proprio bambino appena nato.

La psicosi postpartum si verifica raramente nelle neomamme - in quattro su mille donne incinte. I suoi sintomi compaiono nel primo mese dopo la nascita del bambino - entro 10-14 giorni.

È impossibile dire esattamente quanto durerà, perché a volte è causato da psicosi maniaco-depressiva nella madre.

Depressione postnatale prolungata

Questa è la forma più comune di depressione postnatale. Tuttavia, è piuttosto difficile determinarlo, poiché è "mascherato" da una varietà di problemi associati alla cura e all'educazione dei bambini.

Una depressione postpartum prolungata si sviluppa gradualmente, e inizia con il solito blues, che continua dopo il ritorno a casa. Le donne sono costantemente stanche, ma i loro parenti incolpano questa condizione nel processo generico.

Segni distintivi: costante irritazione e pianto. Ma le lacrime dell'infanzia di mia madre sono estremamente sgradevoli da sentire, e si incolpa di questo e per la mancanza di cure. La colpa sorge anche perché prendersi cura di un bambino non porta felicità ad una donna.

Un ciclo prolungato di depressione postnatale è più spesso osservato in due tipi di madri:

  1. Donne con manifestazioni isteriche o paure ossessive per fare qualcosa di sbagliato, specialmente quando si tratta di un bambino.
  2. Persone che sono state private della tenerezza e dell'affetto materne durante l'infanzia.

Quanto tempo durerà la depressione è impossibile da determinare. Di solito il periodo di tempo non supera i 10 mesi o un anno. Tuttavia, nei casi più gravi, il processo di chiusura in sé può richiedere 2-3 anni.

Sintomi comuni

Come puoi vedere, i diversi tipi di disturbo depressivo postnatale hanno caratteristiche distintive. Tuttavia, gli esperti identificano diversi sintomi che si verificano in tutte le varietà di questo stato psicologico. Tra questi ci sono:

  • oscurità, umore mutevole;
  • affaticamento costante;
  • pianto;
  • scompiglio, riluttanza ad agire, combattere con la loro apatia;
  • aumento o diminuzione dell'appetito;
  • disturbi del sonno (disturbi del sonno o del risveglio);
  • senso di inutilità;
  • costante senso di colpa;
  • disordine dei processi di memoria (nei casi più gravi);
  • indifferenza, apatia, riluttanza a fare la tua cosa preferita;
  • problemi somatici regolarmente ricorrenti (disturbi intestinali, emicrania, ecc.);
  • distacco dall'interazione con amici e parenti.

Un po 'meno frequentemente, le madri con le caratteristiche di cui sopra possono essere combinate con pensieri suicidi o con il desiderio di danneggiare il bambino. Tali pensieri si verificano spesso contemporaneamente con la riluttanza ad avvicinarsi del tutto al neonato.

10 cause di depressione

L'emergere di un disturbo depressivo postnatale in un genitore appena nato è associato da molti esperti con cambiamenti che avvengono a livello psico-emotivo, sociale e fisiologico.

Nonostante il fatto che non vi sia ancora un legame ben stabilito tra l'umore depressivo nelle mamme e lo sfondo ormonale, questo fattore non è scontato. L'ipotesi ha il diritto di esistere, dal momento che il livello di alcuni ormoni cambia nella posizione delle donne.

Oltre ai cambiamenti ormonali, la madre è "minacciata" di cambiamenti colossali in tutti gli aspetti della vita con un bambino nato. La psicologia delle donne che ha dato alla luce varia, i cambiamenti avvengono nello stato sociale. Tali "trasformazioni" aumentano seriamente il rischio di depressione postnatale.

Inoltre, gli esperti identificano diversi fattori che possono innescare lo sviluppo di sintomi depressivi nelle madri che hanno dato alla luce:

  1. Predisposizione ereditaria Con queste parole, comprendiamo le peculiarità del sistema nervoso che una donna adotta dai suoi stessi genitori. Più specificamente, le madri con un sistema nervoso debole ereditato dalla vecchia generazione tendono a rispondere in modo più acuto a varie situazioni stressanti, e ce ne sono molte dopo l'aspetto del bambino. Inoltre, il processo generico stesso - uno stress continuo.
  2. Cambiamenti a livello fisiologico. Oltre ai salti degli ormoni sessuali femminili, la madre ha un cambiamento nel volume delle secrezioni della tiroide. Come risultato di questo declino, inizia la stanchezza, la madre deve fare tutto attraverso "Non posso", e questo può finire con la depressione. Dopo la fine della gravidanza, il metabolismo, il volume del sangue e persino la pressione sanguigna cambiano, tutto ciò influenza la salute psicologica della madre.
  3. Paura di non corrispondere al "titolo" della madre. Alcune personalità ansiose si sforzano di diventare una sorta di "super-madre" che riesce a prendersi cura di un bambino, godersi la vita, essere una buona moglie e un amico e avere un bell'aspetto. In realtà, è impossibile per una madre avvicinarsi a un simile ideale, in conseguenza del quale la sua autostima diminuisce e appare una sensazione di impotenza. E da qui non è lontano da un disturbo depressivo.
  4. Mancanza di tempo libero Il desiderio naturale di ogni madre è di ripristinare la forza morale e fisica dopo il travaglio. Tuttavia, quasi immediatamente deve svolgere mansioni domestiche, prendersi cura del bambino. Questi sforzi sono spesso combinati con il processo di contrazione uterina, recupero dopo cucitura del perineo, o suture del taglio cesareo. Un tale problema di tempo spesso finisce in depressione.
  5. Problemi con l'allattamento al seno. Il processo di allattamento porta alla mamma non solo emozioni piacevoli, ma anche una varietà di difficoltà. Ad esempio, il sesso più debole dopo il parto spesso prosciuga il latte, nutre il bambino di notte (per questo, è difficile addormentarsi). Il periodo dell'allattamento è spesso accompagnato da crepe nei capezzoli, dolore durante l'alimentazione. Inoltre, vi è una temporanea diminuzione del volume di latte, che si ripresenta dopo alcuni mesi. Non dobbiamo dimenticare la probabile lattostasi - il ristagno della secrezione del latte.
  6. Donna egoista Un fattore inaspettato, ma il gentil sesso non sempre piace condividere l'attenzione degli altri, anche con i propri figli. La depressione postpartum di discendenza egoistica è particolarmente caratteristica delle madri giovani e primipare. Dopo il parto, la madre deve ricostruire la solita via per i bisogni del bambino, e deve anche entrare in una "competizione" per l'attenzione del coniuge. Inoltre, alcune mamme non sono in grado di assumersi la responsabilità del bambino.
  7. Cambiamenti nella figura. Alcune mamme iniziano quasi il panico quando notano cambiamenti nell'aspetto che sono il risultato della gravidanza e del processo di nascita. Chilogrammi guadagnati, smagliature o seno cascante - tutto questo, unito a una bassa autostima, porta alla vera depressione.
  8. Mancanza di finanziamenti Non sempre la mamma riesce a fornire un figlio con una degna infanzia. Per questo motivo, la donna inizia a considerarsi una cattiva madre, che causa ancora uno stato depressivo, aggravato da altre premesse (caratteristiche psicologiche, bassa autostima).
  9. Problemi con un partner. Il processo dell'attività lavorativa spesso porta a ulteriori difficoltà con la vita sessuale. Innanzitutto, sono possibili varie limitazioni fisiche. In secondo luogo, affaticamento, accompagnato da una riduzione della libido. In terzo luogo, a volte le donne hanno anche un atteggiamento estremamente negativo nei confronti del sesso nei primi mesi dopo il parto.
  10. Brutta atmosfera Questo motivo consiste di diversi fattori che portano alla depressione postnatale. Tra di loro può essere l'indifferenza di suo marito, il rifiuto da parte dei suoi cari, la dipendenza da un coniuge all'alcol (gli piace fumare e bere con un bambino), la mancanza di qualsiasi supporto.

In alcune situazioni, la depressione postpartum si verifica dopo un aborto spontaneo o dopo la nascita di un bambino morto.

Implicazioni per i bambini e il coniuge

Qual è la minaccia della depressione postpartum nella madre per il bambino? Prima di tutto, una donna depressa semplicemente non è in grado di svolgere pienamente i suoi doveri materni. A volte la mamma rifiuta anche di allattare il suo bambino perché non prova amore per lui. Quali sono le conseguenze?

  • Lo sviluppo e l'aumento di peso del bambino rallenta. Il bambino non dorme bene, è preoccupato e in futuro può avere vari disturbi mentali (ad esempio, una predisposizione agli stati depressivi).
  • A causa della mancanza di interazione pelle a pelle in un bambino, sono influenzati vari processi associati allo sviluppo emotivo. Successivamente, il bambino potrebbe presentare disturbi del linguaggio (ad esempio logoneurosi), problemi di concentrazione, ecc.
  • I bambini allevati da madri depresse mostrano raramente emozioni positive, interesse per il contatto con oggetti e persone vicine. È curioso, ma è normale che un bambino di questo tipo sperimenti meno quando è separato dalla madre (altri bambini hanno un atteggiamento molto negativo nei confronti di questo sviluppo di eventi).

Come reagisce il sesso più forte alla depressione postpartum femminile? Gli uomini, ovviamente, non sono contenti di questo comportamento coniuge. Alcuni di loro prendono generalmente un serio disturbo mentale per qualche tipo di capriccio, e quindi si riferiscono rispettivamente ai problemi delle donne.

Il sesso più forte, naturalmente, cerca di ripristinare la vecchia vita sessuale, che di solito non funziona. Non è un segreto che tra tutti i cambiamenti globali nella vita familiare associati al parto, gli uomini cercano, soprattutto, di mantenere la stabilità proprio nella questione delle relazioni intime.

Il sesso più forte cade in "insidie" depressive a causa del sentimento che il coniuge non è privo di valore, mancanza di finanze, mancanza di sesso, ecc.

Prevenzione della depressione

È molto più facile prevenire lo sviluppo della depressione postnatale piuttosto che combatterlo. Inoltre, non è noto per quanto tempo (giorni, settimane, mesi) passeranno i sintomi di questo disturbo psicologico.

Quindi, la depressione postpartum può "andare di traverso" sia per la madre che per il bambino e altri membri della famiglia. E non pensare che questo stato certamente non mi riguardi. Questo è il motivo per cui non è necessario lasciare questo problema libero.

Se una donna non vuole interrompere una vita piena sul pavimento di un anno terribile, è necessario agire anche prima del momento in cui sarà in congedo di maternità. Cosa fare

  • Avvertito - armato! Una donna deve sapere se i suoi parenti hanno sperimentato la depressione. E devi interessarti non solo con tua madre, ma anche con altre persone vicine, poiché nessuno ha ancora annullato la predisposizione ereditaria.
  • Inoltre, è importante parlare con un medico che sta guardando una gravidanza, che può aiutare a identificare i probabili fattori scatenanti. Il medico ti dirà come e quando stabilire l'allattamento, convincerti a smettere di fumare (se esiste un'abitudine), ecc.
  • Dopo il parto, devi monitorare in modo indipendente la tua condizione, notando qualsiasi sintomo di inizio della depressione postnatale. Se una donna si sente che lei stessa non può far fronte, è necessario consultare immediatamente un medico.

Ripetiamo la regola comune: la malattia è più facile da prevenire che cercare di sbarazzarsene. Anche la depressione postnatale è una malattia, quindi non c'è bisogno di aspettare che se ne vada da sola. L'assistenza specialistica è estremamente importante in questa situazione.

10 consigli su come affrontare il problema

Se la tua condizione dopo il parto è espressa dalle parole "Piango, non posso fermarmi, nessuno mi capisce", è il momento di aiutare me stesso e il bambino. Sbarazzarsi della depressione postnatale contribuirà con la consulenza di esperti.

Forse alcune delle raccomandazioni sembreranno eccessivamente semplici o sfocate, ma è il modo più semplice di uscire dalla situazione che molte persone trascurano. Quindi iniziamo.

  1. Per far fronte al problema aiuterà il medico. Per evitare possibili problemi, devi seguire un consiglio medico. Ad esempio, quando si prescrivono farmaci, è necessario eseguire tutte le procedure necessarie. Tuttavia, è severamente vietato assumere farmaci per conto proprio, anche se il forum delle donne afferma che "tale strumento mi ha salvato".
  2. Non rifiutare il supporto di persone vicine. L'aiuto di un coniuge o di una suocera non è qualcosa di vergognoso, ma una necessità importante, soprattutto quando è impossibile liberarsi dei pensieri negativi da soli. Uscire dalla "trappola" emotiva aiuterà un marito, una madre, una nonna o un amico intimo. Il loro supporto dovrebbe essere accettato prima di tagliare il confine.
  3. Non c'è bisogno che una nuova madre si vergogni di eccesso di peso. Ricorda che tu, almeno per metà, hai mangiato per due, quindi i chili in più sono del tutto naturali. Non andare a dieta sulle raccomandazioni dei "sostenitori". L'alimentazione naturale aiuta a sbarazzarsi del peso in eccesso, quindi non trascurare l'allattamento al seno, soprattutto nel primo mese.
  4. Cerca di negoziare con il coniuge le "vacanze" a breve termine. Un viaggio alla caffetteria, una visita alla piscina o al negozio, una passeggiata nel tuo posto preferito - tutto ciò distrae dalla necessità di stare costantemente con il bambino. Credimi, nessuno penserebbe che tu sia una madre terribile, lanciando una briciola al "destino del loro destino".
  5. Come abbiamo già notato, il sesso più forte presta particolare attenzione al lato più intimo della vita matrimoniale. Cerca di parlare con tuo marito di questo argomento, con molta calma e con tatto. Se non vuoi fare l'amore, dai argomenti seri. Ad esempio, un mese o mezzo, l'utero viene ripristinato. Questo argomento è migliore delle parole "Non mi interessa ora il sesso". A proposito, fare l'amore è un altro metodo efficace per sfuggire alla depressione postnatale.
  6. Cerca di stare lontano dalla cucina per un po ', dato che è molto più importante per un bambino passare più tempo con la mamma, piuttosto che guardare i suoi talenti culinari. Forse il sesso più forte nella persona del tuo coniuge assumerà la responsabilità di preparare la cena.
  7. La depressione postpartum è spesso esacerbata dalla mancanza di sonno, quando la mamma cerca di guadagnare il titolo di "supermom" per un anno o più. Hanno messo il bambino a dormire? Sdraiati fianco a fianco per almeno 10 minuti. Credere che l'opinione "nessuno può sostituirmi" è sbagliata. Una donna ha maggiori probabilità di liberarsi dei pensieri depressivi se acquisisce un baby monitor o sposta alcune delle preoccupazioni per la famiglia.
  8. Includere nella dieta pasti arricchiti con alimenti contenenti calcio e acido ascorbico. Queste sostanze aiutano a liberarsi dello stato depressivo in alcune situazioni con la stessa efficacia dei farmaci. Questa raccomandazione è un altro argomento a favore del rifiuto di varie restrizioni al cibo.
  9. Una madre appena nata si libererà della depressione postnatale se non rifiuta di comunicare con gli amici e gli amici intimi durante il congedo di maternità. Parla con altre donne che stanno affrontando un problema simile. Probabilmente, uno di loro ha affrontato pensieri depressivi e blues. In ogni caso, anche il supporto emotivo è la base di un caso completato con successo.
  10. È più probabile che la mamma affronta il problema se cammina con il bambino più spesso. In primo luogo, si tratta di un cambiamento nella situazione, in secondo luogo, è sempre utile prendere una boccata d'aria fresca e camminare a una certa distanza. A proposito, questo aiuterà in un modo più naturale di buttare fuori quei chili in più.

Nonostante la semplicità delle raccomandazioni, tutti i passaggi possono di solito essere ridotti a un cambiamento della situazione, escludendo la fissazione solo sull'allattamento al seno, togliendo e mettendo su pannolini, pannolini, essere tra i vasi e le quattro pareti.

Spesso, la monotonia delle azioni complica seriamente il corso della depressione postnatale. Segui questi suggerimenti attraverso "Non posso", concentrandoti sui benefici per te e il bambino.

Eventi medici

La terapia del disturbo depressivo postnatale prevede il monitoraggio, l'esame di una donna, la raccolta di informazioni e il confronto dei sintomi.

Gli esperti identificano solo due modi efficaci per liberarsi da uno stato depressivo: assumere farmaci speciali e tecniche psicoterapeutiche.

  1. Se la condizione è causata da uno spostamento ormonale, viene prescritto un farmaco per correggerlo. Un altro gruppo di farmaci è l'ultima generazione di antidepressivi, che mantengono il necessario equilibrio degli ormoni (in particolare la serotonina). Alcune mamme hanno paura di prendere antidepressivi per paura di danneggiare il bambino o di perdere l'allattamento. Tuttavia, una madre intensa e irritata è molto peggio per un bambino rispetto ai farmaci consentiti dall'alimentazione.
  2. La mamma affronterà le difficoltà piuttosto se usa l'aiuto di un terapeuta qualificato. Inoltre, uno specialista può offrire di risolvere il problema della PNL, le tecniche psicoanalitiche, il metodo ipnotico. Tutto dipende da quanto è pronunciata la depressione post-partum della donna. Inoltre, gli psicologi spesso suggeriscono di utilizzare i metodi di una scuola psicoterapeutica familiare o cognitiva. Queste tecniche funzionano attraverso problemi più profondi, complessi giovanili o persino infantili, che fluiscono dolcemente nella vita adulta e conducono a stati d'animo depressivi.

La depressione postpartum è una condizione psicofisiologica complessa, il cui decorso dipende da molti fattori. A volte il blues dura per poche settimane, in altri casi ci vogliono circa due o tre anni.

In molti modi, l'efficacia del trattamento è associata alla capacità delle donne di abituarsi al nuovo ruolo, al desiderio di uscire dal circolo vizioso. Tuttavia, il sostegno del coniuge e l'aiuto di parenti stretti è altrettanto importante.

ragazze e quando hai la depressione postpartum

hai bisogno di trovare un'occupazione come hobby e un po 'di tempo per risolverlo per un giorno - aiuta, qualcosa che ti piace fare, devi solo vivere a volte per te stesso, allora andrà tutto bene

Dipende dalla persona

Per me non vale la pena lamentarsi e non ci sarà depressione!

Non ce l'ho, perché ho cose più importanti da fare che sedermi e piangere nel cuscino, odiando silenziosamente il mio bambino. Anch'io sono solo, nessuno mi aiuta tranne mio marito, siamo due soli con lui e per noi è meraviglioso.

È per questo che vuoi partorire? Non c'è tempo per ballare, per gonfiarsi? È questa felicità? Felicità nei bambini, perché sono la continuazione di noi.

Capisci questo come hai fatto prima, ama il tuo bambino per quello che hai, gioisci del suo successo, sii orgoglioso di lui, rendilo il significato della tua vita. Un bambino è la persona più nativa del mondo.

Depressione postpartum quanto dura e come liberarsene

Gravidanza a lungo attesa, maternità, contrazioni... e ora senti già il primo pianto di tuo figlio, sei diventata madre - cosa potrebbe esserci di meglio di queste parole, hai ammirato parenti intorno a te, un marito amorevole, il tuo bambino, e probabilmente dovresti sentirti molto felice sul pianeta, ma qualcosa è andato storto.

Cominciarono, gli stessi giorni della settimana nel ruolo della mamma, quando l'inizio e la fine della giornata sono accompagnati da un pianto, pianto, pannolini, montagne di lavaggio, stiratura, cottura, sterilizzazione infinita di succhi e bottiglie, altalena dei bambini sulle loro mani... e c'è anche un coniuge che Vuole anche la tua attenzione, il calore femminile e la deliziosa cena dopo la giornata di lavoro.

Ti senti schiacciato da un limone, letteralmente tutto ti sfugge di mano, e 24 ore al giorno c'è poco di catastrofico in cui hai tempo per qualcosa, e sì, nessuno ti capisce affatto, perché essere una madre è una tale felicità. Familiare, giusto? Benvenuto nel mondo della realtà: hai una depressione postpartum.

Qual è la depressione postpartum?

Secondo gli psicoanalisti, la depressione postpartum è un disturbo emotivo che una donna sperimenta dopo il parto, in cui la giovane madre si sente sempre dovuta e obbligata, il che non è sorprendente, perché il ritmo e lo stile di vita sono completamente cambiati.

Queste emozioni influenzano negativamente sia la salute della madre che la salute della piccola creatura. Parliamo, quali sono i sentimenti di una donna in questo periodo.

I sintomi della depressione postpartum

  • Costantemente voglio piangere, non lasciare una sensazione di tristezza, tristezza.
  • Quando il tuo bambino piange di nuovo, ti sembra che questa piccola creatura sia un tiranno, e tu sei pronto a tutto, solo che chiuderebbe la bocca. Può sembrare scortese, ma non dire altrimenti.
  • L'autocommiserazione appare, in questo momento sembra che sia stato facile per tutti, che tu fossi così solo, e nessun altro l'abbia provato.
  • C'è una sensazione di impotenza, ci sono alcuni vicoli ciechi e domande in giro, e semplicemente non riesci a trovare la risposta, come uscire da questo circolo vizioso e inizia il prossimo stadio: il panico.
  • Seguite le raccomandazioni di un pediatra per la cura di un neonato, oltre a utilizzare molti dei migliaia di consigli di parenti, come e cosa fare, come farlo, ma non siete affatto gioiosi, a un certo punto sembra che non sia possibile gioire.
  • Ti sembra che sei una madre cattiva, no, sei la madre peggiore, e non eri affatto pronto per questo ruolo.
  • Immediatamente, in modo speciale, ci sono notevoli momenti turbolenti nella vita dei tuoi amici, amici, conoscenti, la vita passa da te, mentre altri la godono al massimo e tu provi sinceramente il "dolore" nella tua vita passata.
  • Frequenti mal di testa, insonnia, nonostante tu voglia costantemente dormire, e sembra che ti addormenti solo nel tuo cuscino.
  • Diminuzione dell'appetito
  • Sentire che sei una vacca da mungere e la tua funzione è nutrire, nutrire, nutrire...
  • Ogni giorno è un giorno da marmotta, ogni minuto sai come inizierà e come finirà.
  • Una terribile sensazione che tu non ami la tua piccola creatura, e che lui sia completamente alieno da te.
  • La libido scompare, i pensieri sul sesso provocano disgusto, sarebbe auspicabile che nessuno ti vedesse, nessuno toccasse.
  • Sei come una molla, stringendo e accumulando il male e il negativo in te stesso, mangiando il controllo di te stesso, in modo da non perdersi nelle persone vicine, ma questo non è sempre possibile.
  • La propria riflessione è uno spaventapasseri, con i capelli non lavati, il disordine sulla testa, l'aspetto trasandato, i seni cascanti che vengono costantemente versati col latte, rigidi e doloranti, e la figura è simile a quella del secondo trimestre di gravidanza, con la pancia sporgente e le cosce ispessite. Abiti sexy, leggings stretti, borchie, giacciono nell'armadio, sono sostituiti da comodi ballerine e vestiti larghi.
    L'immaginazione dipingeva per te che avresti camminato una così bella mamma, con riccioli leggeri, trucchi, vestiti elegantemente, tiri un bellissimo passeggino con un bambino addormentato e tutti saranno toccati da questo sguardo. Ma la bella carrozza sembra già un carico pesante di 14 kg, che devi abbassare e sollevare più volte al giorno, diciamo, al quarto piano, è particolarmente piacevole quando ha appena iniziato a piovere ed è divertente, giusto? a mio parere, un'ottima alternativa al fitness.
  • Pensi periodicamente che sarebbe meglio se questo bambino non esistesse, che senza di lui sarebbe meglio. Sembra spaventoso, ma tali pensieri sorgono ancora.
    Se da quanto sopra, ti riconosci in almeno quattro punti, puoi presumere che sei nella zona a rischio, devi ripensare la situazione il prima possibile e cercare di trovare una via d'uscita dalle difficoltà esistenti.

Da dove, tuttavia, "le gambe crescono" e perché nasce questo tipo di disturbo psicodinamico, capiremo ulteriormente.

Cause della depressione postpartum

eredità

Questo si riferisce a una predisposizione genetica allo stress, alla depressione. Pensa a quanto spesso prima della nascita del bambino, sei caduto in tali stati, e se ci sono stati casi del genere. Se, tuttavia, uno dei tuoi genitori è molto suscettibile ai problemi e ai cambiamenti che si verificano nella sua vita, allora molto probabilmente la ragione sta proprio in questo.

Cambiamenti nel sistema ormonale

Durante il parto, il corpo femminile sta vivendo solo uno stress pazzo. I parametri della placenta ormonale ricadono in norme critiche, i livelli di prolattina responsabili della produzione e della disponibilità del latte, questo processo è ininterrotto nei primi mesi dopo il parto, tutte le funzioni di organi e sistemi sono di nuovo riorganizzate, ritornando alla modalità precedente, perché prima funzionavano con un doppio carico. Naturalmente, tali fattori colpiscono in modo significativo la psiche.

Stress psicologico

C'è una massa acuta di vari tabù, devi cambiare completamente la tua vecchia modalità di vita. Il centesimo dell'universo è ora tuo figlio, e tutto in questo mondo ruota attorno a lui.
Nella mia testa, per tutto questo, ventiquattr'ore su ventiquattro ci sono un mucchio di domande e dubbi sul fatto che tu stia facendo tutto correttamente, o forse hai bisogno di qualcosa di diverso, cosa sarebbe meglio per il bambino. E più ci pensi, più confusi e dubbi sulla correttezza delle tue azioni.

Esercizio fisico

Indipendentemente dal fatto che tu ti stia sentendo bene o meno, ora hai tutta una serie di compiti che devono essere svolti in piena conformità, non puoi permetterti di prendere un congedo per malattia o un periodo di pausa.

Non c'è sonno a tutti gli efetti, a volte è assente in linea di principio, il bambino è quasi sempre nelle braccia, e questo, anche se è tre chili di felicità, ma alla fine della giornata, il carico sul retro è tangibile.

In questa modalità, la nutrizione, di regola, non è regolare, di conseguenza, il corpo soffre di una carenza di vitamine e di oligoelementi essenziali, e di come in questa situazione puoi goderti la vita se semplicemente non ha abbastanza forza.

Disaccordo coniuge

Nell'80% dei casi, gli uomini non capiscono cosa sentano le donne nel periodo postpartum, e questo è in realtà normale, non sono fisiologicamente e psicologicamente creati per questo.

Non vedono nulla di terribile in ciò che trascorre la giornata con il bambino, mentre fa altre faccende domestiche, alla fine, tutto ciò che fa fronte ed è un tuo dovere. Si infastidiscono se non sei dell'umore quando torni a casa, il letto è ancora diffuso al mattino, la sua maglietta non è stirata, in cui andrà al bar sport con i suoi amici per guardare il calcio la sera, eppure deve mangiare per cena l'altro prima.

Sulla base di tali convinzioni maschili, i conflitti spesso sorgono nelle famiglie, le donne non sentono il sostegno e la simpatia giusti da parte del marito, perché è un genitore come te, e ha così tante mani che potresti spostare una piccola parte delle sue responsabilità. e sulle sue spalle, ma è un capofamiglia e ha bisogno di riposo, perché va a lavorare e si siede a casa.

Certo, non tutti gli uomini sono tali, non tutti, ma quando la tua metà è un tale esempio, questa è la prima cosa che influenza lo sviluppo della depressione, e inizi a dubitare se hai fatto una scelta sbagliata del compagno di vita, e anche a rimpiangere di aver dato alla luce tali senza un uomo cordiale del bambino, non ne è degno, provi la stessa quantità di rabbia in quei momenti per il bambino stesso, perché ha un tale padre, anche se capisci perfettamente che il piccolo bambino non ha colpa.

Quanto dura la depressione postpartum

Secondo i dati della ricerca, la depressione inizia dopo 2 settimane - 1,5 mesi dopo il parto, se non la combatti con le sue manifestazioni iniziali, allora può richiedere fino a sei mesi, ma spesso la sua durata viene spruzzata per uno o due mesi. Se dopo un determinato periodo non si verificano cambiamenti in meglio, si dovrebbe contattare uno psicoterapeuta qualificato o uno psicologo, e senza paura dirvi cosa vi sta accadendo e cosa è inquietante, la vostra conversazione e ciò che è possibile aprire è il primo passo verso la guarigione.

Come sbarazzarsi della depressione postpartum

Ora vedrai che la vita dopo la nascita di un bambino è lì, ma è completamente diversa, ma non meno bella e colorata di prima. Quindi, come, comunque, goditi la vita e impari a goderti la maternità?

Regola numero 1

Non essere timido delle tue condizioni, sicuramente hai delle amiche, amici, compagni di classe, che sono diventati madri prima di te. Parla con loro, scopri come hanno avuto questo periodo difficile e come hanno lottato con tutte le difficoltà che li accompagnano, chiedi semplicemente un consiglio. Capirai che non è stato facile per tutti, non sei speciale e non sei affatto una cattiva madre.

Regola numero 2

Non dimenticare che non sei solo, hai un marito, madri, nonne, nonni, che verranno in soccorso non appena suonerai il campanello d'allarme. Chiedi a tua madre di vivere con te la prima settimana dopo il parto, o inoltre, le prime notti difficili, ti sentirai di supporto, capendo che qualcuno vicino a te può contare su di te che ti dà la forza di vivere. In questo caso, vi sarà un aiuto non solo per l'assistenza all'infanzia, ma anche in ambito domestico.

Regola numero 3

Impara a vivere con tuo figlio, cioè a vivere, e non esistere di giorno in giorno. Si va a fare una passeggiata, che impedisce di andare al vostro negozio di caffè preferito e gustare un delizioso tè, chiacchierando con un amico, o di correre al negozio non è per un altro pacchetto di pannolini, e che cosa ha usato per provare su una nuova serie di biancheria intima, questa volta la tua ragazza felice di scuotere la sua carrozzina o tenere bambino tra le sue braccia. Passeggiando per il parco, basta accendere la musica con le cuffie per sollevare il morale, respirare la natura, guardare i passanti o immergersi in un libro entusiasmante.

Regola numero 4

Trasferisci parte degli affari domestici al tuo coniuge. Ad esempio, lava i piatti e un bagno, o pulisce la polvere e i vuoti, perché ha mani così forti che l'aspirapolvere in essi è solo una piuma. E dite anche che non cucinerete mai il grano saraceno così buono, ma cucinerete il doppio più raramente dopo questa frase. Siate saggi, lodate il vostro uomo, dite che senza il suo aiuto, non avreste mai saputo che lui è il miglior marito e padre, e credete che le sue ali cresceranno per fare ancora di più per voi, vuole essere anche migliore e non sostituibile.

Regola numero 5

Lascia al tuo partner l'opportunità di visitare la tua pelle, lascialo da solo con il bambino per almeno mezza giornata, quando si suppone che debba essere ricoverato in ospedale per un esame di routine da parte di un ginecologo o curare il prurito. Allo stesso tempo, chiedi a tutti i parenti, e in particolare alla suocera, di trovare scuse per l'aiuto, lascia che ci sia aiuto, ma non tattile, ma in modalità telefono.

Fagli sentire com'è quando non puoi andartene, a bere acqua o andare in bagno, e poi è arrivato anche il momento del pasto, e qualcuno sembra aver bisogno di cambiare il pannolino, e poi, per fortuna, il latte è sceso dal piatto, come essere cosa afferrare. Credimi, lo beneficerà, inizierà ad apprezzare il tuo lavoro.

Regola numero 6

Parla subito con tuo marito che vuoi anche uno spazio personale fuori casa. Ce l'ha, perché va al lavoro, può permettersi di andare in garage, andare a pescare, e così via, e tu sei a casa, e hai una fonte di comunicazione, un compagno piccolo e non molto buono, ma un grande ascoltatore.
Scegli te stesso un giorno alla settimana, "Mother's Day", quando lo fai, qualunque cosa tu voglia. Andando al cinema, alla manicure, alla pettinatura, allo shopping, alla palestra, alla piscina, qualsiasi cosa, la cosa principale è che hai cambiato la situazione, e credimi, dopo di che torni a casa di ottimo umore, pieno di forza ed entusiasmo.

Regola numero 7

Se possibile, inserisci la regola "Papà Notte" nella tua famiglia, quando il tuo coniuge è spento, e domani non ha bisogno di lavorare, dagli la possibilità di alzarsi al letto, da ogni bambino che piange, nutrendosi (ovviamente, se è una miscela, e non al seno), cambiando pannolini, farmaci in tempo e così via. E tu in questo momento appena sepolto in un cuscino, e dormi, dormi, dormi. Piangi il bambino che sentirai, ma il ronzio del fatto che non hai bisogno di alzarti molto rapidamente ti immerge nel sonno profondo.

Regola numero 8

Trova attività e hobby comuni, anche con una briciola così piccola. Fai esercizi con il tuo bambino tra le braccia, preparati a mangiare, pulisci con loro tra le braccia, accendi una commedia rilassante e la musica preferita in parallelo, canta, balla, divertiti.

L'occupazione più figa di una giovane madre con un bambino è un sonnellino. Fino a tre mesi, i bambini spesso dormono durante il giorno, mettono da parte tutte le faccende e gli affari e si sdraiano accanto a lui, e tu riposerai, e il sonno del bambino sarà più lungo dalla presenza dell'odore della madre nelle vicinanze. Lavare può aspettare fino a domani, e mio marito è felice di mangiare gnocchi da negozio, ma sarai fresco e allegro.

Regola numero 9

Non dimenticare che sei una donna. Trova il tempo per voi due quando il bambino dorme, organizza una cena romantica, guarda il film insieme, siediti tra le tue braccia, bevi il tè... Credimi, la tua insicurezza vive esclusivamente nella tua testa e gli uomini spesso amano le loro mogli dopo la nascita, quando ci sono un paio di chili in più, ma si adattano così bene al suo corpo quando i suoi seni diventano più grandi, e non importa che il latte possa distinguersi da lei, anche nei momenti più inappropriati. E inoltre, un uomo intelligente capisce che la tua figura è cambiata a causa del fatto che tu gli hai dato un figlio, in modo da avere una famiglia forte e reale, sacrificando le vecchie forme, anche se non potevi farlo.

La cosa principale è non apparire costantemente davanti alla tua metà in pantaloni e indumenti allungati senza colore e forma, ma comunque enfatizzare e mettere in risalto i vantaggi che sono al momento, comprare belle lingerie, calze, semplicemente raccogli nei capelli, in modo che non sembrino distratti un fascio, e tu sei una dea, il tuo uomo apprezzerà sicuramente quello che pensi di lui e della tua relazione.

E anche, chiedi periodicamente ai parenti stretti di sederti con il tuo bambino per qualche ora, fai semplicemente una passeggiata, vai da qualche parte, prova qualcosa di nuovo insieme: mangia argilla, gioca a hockey aereo, sali in cima alla parete di arrampicata, o scegli qualcosa di nuovo per il tuo interno, cosa ti ricorderebbe di questo particolare periodo della tua vita, quando apparve una briciola e lei aveva solo poche settimane / mesi. Non lasciare che la tua relazione diventi noiosa, se l'armonia regna in famiglia, allora la donna semplicemente non avrà tempo per la depressione.

Regola numero 10

Trova il tempo per praticare il tuo hobby preferito: ricamo, lavoro a maglia, disegno, danza... quando fai la tua cosa preferita, non puoi essere di cattivo umore.

Prevenzione della depressione postpartum

  1. Anche durante la gravidanza, parla con tuo marito della vita dopo il parto. Stabilisci le priorità correttamente, prepara il tuo coniuge per il fatto che un bambino è nato per due persone, ed entrambi siete genitori a pieno titolo, quindi vi aspettate un aiuto da lui. Lascialo ora capire che ne avrai bisogno.
  2. Tratta tutti i cambiamenti nella tua vita più facile, i bambini piccoli non sono per sempre, a volte ci sarà una vacanza nella tua strada, e puoi bere tè caldo versato, non con una crosta di ghiaccio, o forse anche più di una volta. Scherzo ovviamente) basta dare rapporti che tutto tende a finire, il bambino crescerà, sarà interessante per lui, sarà possibile essere d'accordo, ecc.
    E non prestare attenzione alle amiche gongolanti che vanno alle feste, volano a riposare, conducono una vita attiva, quando diventano madri e cucineranno nel tuo vaso, e tu in questo momento vivrai già con un figlio adulto, e crederai in questo periodo, la maternità porterà solo gioia.
  3. Programmati in anticipo che non sarà facile, essere una madre è il ruolo più responsabile e più importante del mondo, quindi gioca in modo superbo. Oggigiorno è un peccato cadere nella depressione, pensare alle nostre madri e nonne, quando non c'erano pannolini, lavatrici, multi-cucine, microonde, ecc. Come vivevano? Le eroine sono semplici e ci amano, anche se erano milioni di volte più difficili, ma nessuno si è arreso.
  4. Non prendere il bambino come irritante esterno, guardalo come una piccola creatura indifesa che dipende completamente da te, e tu sei la persona più importante della sua vita. Puoi essere sicuro che ti ama già tanto, non posso ancora dirlo, ma ti mostra come hai bisogno che tu sia sempre lì.

E infine, la cosa più importante è ascoltare il tuo cuore, perché ora non è solo un organo vitale, ma il cuore di una madre, e recentemente ha battuto all'unisono con un altro piccolo cuore dentro di te, che è ora per sempre connesso da un filo inspiegabilmente potente di miele e un tale cuore non può tradire e ingannare.

Inoltre, Sulla Depressione