Cosa fare quando un attacco epilettico

L'epilessia è una malattia cronica del cervello, che si manifesta con convulsioni convulsive, cambiamenti della personalità mentale e inibizione dei processi cognitivi. Una moderna interpretazione dell'epilessia è la propensione del cervello per l'improvvisa comparsa di convulsioni convulsive.

Forme della malattia

La fisiologia patologica di un attacco epilettico si trova in una grande scarica neuronale sincrona in molte parti del cervello, a causa della quale si verifica un attacco epilettico.

Le principali forme cliniche di epilessia:

  1. Grande sequestro generalizzato. Consiste di 5 fasi: precursori, aura, convulsioni toniche, convulsioni cloniche e uscita da un attacco.
  2. Convulsioni parziali. Appaiono a causa di danni organici alle cellule nervose. Sono formati sullo sfondo di una coscienza più spesso preservata e si manifestano come disturbi motori, sensoriali, autonomi o mentali.
  3. Equivalenti epilettici. Questi sono cambiamenti di personalità persistenti, patocaratterici e disturbi emotivi. L'equivalente più comune è la disforia, un'orrida irritabilità che si conclude con un'esplosione emotiva e un'aggressione spesso incontrollata.

Come riconoscere

Un attacco epilettico è facile da riconoscere, conoscendo il suo stadio di manifestazione. Esternamente, un grande attacco generalizzato inizia con le convulsioni toniche: il paziente perde conoscenza e cade in superficie. Durante la caduta, puoi sentire un grido specifico: la glottide si rompe, facendo passare l'aria attraverso uno spazio ristretto e producendo un suono acuto.

Le convulsioni toniche, dovute ad un immediato aumento del tono muscolare, si manifestano con l'allungamento del tronco e degli arti. La testa viene ributtata o girata di lato. La respirazione è confusa, le vene sporgenti sulla fronte e sul collo. La carnagione è blu, le mascelle serrate. Questa fase dura in media fino a 30 secondi.

Inizia lo stadio delle crisi cloniche. Durano in media 2 minuti. La frequenza dei crampi muscolari è ridotta. La tensione muscolare si alterna al rilassamento. Cioè, i muscoli sono ridotti, quindi non chiusi. In questa fase, tutti gli arti e il busto stanno battendo sulla superficie su cui è caduto il paziente. La schiuma esce dalla bocca a causa della rapida contrazione della lingua, funziona come un mixer e frusta la saliva in bocca. La respirazione è confusa, rumorosa e rauca. Un minuto dopo il numero delle contrazioni muscolari diminuisce. Alla fine della fase clonica, scompaiono. Dopo un attacco, il paziente cade in uno stato di sonno profondo o è disorientato. Ha un'amnesia retrograda parziale: difficilmente riproduce gli eventi che hanno preceduto il sequestro.

Le manifestazioni cliniche dell'epilessia si riducono non solo a una grande convulsione. Ci sono altre manifestazioni della malattia:

  • Assenza. Questa è una breve disattivazione della coscienza con conservazione del tono muscolare. Ad esempio, un insegnante dà una lezione e "si spegne" per 30 secondi. Continua a stare in piedi, nella sua mano tiene un puntatore con gli occhi aperti. Dopo mezzo minuto, la coscienza ritorna da lui, e continua a tenere una conferenza, nonostante non sappia della sua convivenza.
  • Automatismo ambulatorio. Il paziente esegue le sue azioni abituali con la sua mente fuori. Questo può accadere nel momento sbagliato. Per esempio, nel centro della città, un epilettico può togliersi i vestiti e sdraiarsi a dormire proprio sul marciapiede. Imita una serie di azioni che svolge prima di andare a dormire: rimuove i vestiti e si inserisce nel letto. Dopo un po 'di tempo, il paziente torna in sé.
  • Sonnambulismo o sonnambulismo. Durante il sonno, si verifica il disturbo crepuscolare della coscienza. Un epilettico si alza nel cuore della notte ed esegue azioni abbastanza organizzate in pochi minuti o ore. Dopo di ciò, si addormentano sul posto o tornano a letto.
  • Paranoid. Appare sullo sfondo della stupefazione del crepuscolo, in cui il paziente è disorientato, ma la sua integrità e organizzazione dei movimenti è preservata. I pazienti esprimono pensieri deliranti sulla persecuzione, la grandezza e il danno.
  • Stupor. Il paziente non ha alcuna reazione al mondo che lo circonda, non entra in contatto con altre persone.

Dovresti anche distinguere tra un vero attacco epilettico e un attacco isterico. Sono simili tra loro, ma la conoscenza delle sfumature ci permette di distinguere tra le due condizioni e scegliere l'aiuto appropriato nell'insorgenza dell'epilessia.

Un vero disturbo epilettico ha queste caratteristiche:

  1. esordio acuto;
  2. non c'è coscienza;
  3. cadendo su una superficie dura, su asfalto, per esempio;
  4. le pupille non reagiscono alla luce;
  5. ci sono delle convulsioni;
  6. Dura 2-3 minuti;
  7. può apparire da solo;
  8. il paziente si morde la lingua, la schiuma color scarlatto esce dalla sua bocca;
  9. dopo un attacco, si possono vedere tracce di minzione involontaria, feci o sperma;
  10. un urlo si sente durante una caduta;
  11. dopo il sequestro, il sonno profondo e il disorientamento.

Un grande attacco isterico è caratterizzato da:

  • si verifica dopo una situazione traumatica;
  • la coscienza è parzialmente presente;
  • durante l'autunno non c'è pianto, la lingua non è morsa, i vestiti sono puliti;
  • cade su una superficie morbida: sull'erba, nei cespugli, sulle persone;
  • gli alunni reagiscono alla luce;
  • Dura finché ci sono persone osservanti;
  • si verifica esclusivamente (!) in presenza di persone;
  • niente sequestri, movimenti radicali e dimostrativi;
  • dopo un attacco, una persona piange, ride; il suo orientamento è preservato e non si addormenta dopo un "adattamento".

Regole di base

Le regole di base del pronto soccorso dipendono dal tipo di attacco epilettico. Pronto soccorso per l'epilessia e un grande attacco convulso:

  1. Valuta la situazione. Non fatevi prendere dal panico e valutate la situazione in modo sobrio.
  2. Il paziente cadde su una superficie dura e cominciò ad avere delle convulsioni toniche. Assicurati di annotare il tempo dall'inizio dell'attacco.
  3. Tenere lontano dalla vittima tutti gli oggetti che potrebbero potenzialmente danneggiare una persona o che potrebbero danneggiare se stessi: una pietra, una bottiglia, un marciapiede. Trascinalo in un posto sicuro.
  4. Non lasciare che una persona si faccia male - metti un oggetto morbido sotto la tua testa: un rullo, una giacca piegata, una valigetta. Ciò consentirà di prevenire lesioni alla testa e commozione cerebrale.
  5. Trasforma l'epilettico da un lato o dall'addome. Ciò impedirà al vomito di entrare nelle vie aeree, il paziente eviterà l'asfissia e l'asfissia.
  6. Di regola, una folla viene radunata attorno a un epilettico in stato d'attacco. Accelerare gli spettatori. Un attacco epilettico non è uno spettacolo.
  7. Fino alla fine dell'attacco, sii vicino alla vittima e attendi che la situazione finisca. Resta con la vittima fino a quando una coscienza chiara ritorni a lui. Non può essere lasciato solo.

Ricorda che il primo soccorso per l'epilessia negli adulti è lo stesso dei bambini.

Cosa fare in un attacco isterico:

  • Prendi nota del tempo dall'inizio del sequestro.
  • Trascina il paziente in un luogo in cui ci sono poche persone o nessuna.
  • Spruzza acqua sul viso o dona alcol al naso.
  • Non prestare attenzione agli attacchi dimostrativi e non indulgere in uno scoppio d'ira.

Quando assente, il primo soccorso non è necessario. Questa condizione passa in modo indipendente e non richiede un intervento esterno.

Cosa non può essere fatto durante un attacco

Il primo soccorso per un attacco epilettico è la scienza di cosa non fare quando si fornisce il primo soccorso. Azioni severamente vietate:

  1. Prova ad aprire la mascella e metti lì cucchiai, forchette, stracci e altri oggetti. Durante le crisi tonic, la mascella è praticamente impossibile da aprire, durante la fase clonica c'è il rischio di perdere un dito: il paziente lo morderà e si romperà i denti, i cui pezzi possono entrare nel tratto respiratorio.
    C'è ancora un mito comune della medicina sovietica, in cui alcuni dei medici di oggi credono addirittura che sia necessario aprire la mascella e inserire un cucchiaio tra i denti. Non farlo mai e non credere a chi lo dice.
  2. Tieni le ginocchia epilettiche, siediti sopra, cerca di trattenere i crampi.

Quando chiamare un'ambulanza

Non in tutte le situazioni c'è bisogno di una brigata di ambulanza. Tuttavia, chiamalo in tali situazioni:

  • Durante il sequestro, la persona ferita si è ferita alla testa o ha subito altre lesioni.
  • Un attacco epilettico dura più di cinque minuti.
  • Dopo la fine delle convulsioni, la respirazione non riprende (controllare le vie aeree, apertura della bocca).
  • Se i sequestri epilettici si ripetono uno dopo l'altro, tra i quali il paziente non riprende conoscenza. Molto probabilmente uno stato epilettico che minaccia la vita di un epilettico si sviluppa.
  • Se stai vedendo equivalenti epilettici, come gli automatismi paranoici o ambulatoriali.

Pronto soccorso per l'epilessia - algoritmo d'azione

Per fornire correttamente il primo soccorso a una persona con epilessia, è necessario capire quale sia la malattia.

L'epilessia o "epilessia" è una malattia neurologica cronica caratterizzata dall'insorgenza di convulsioni convulsive (attacchi epilettici).

La ragione risiede nell'attività elettrica patologica delle cellule nervose del cervello, che porta alla comparsa di un fuoco di eccitazione eccessiva in una certa parte della corteccia.

Tipi di convulsioni

A seconda della posizione di tale messa a fuoco, le crisi epilettiche possono differire nelle loro manifestazioni. Non daremo tutta la complessa classificazione, notiamo solo i punti principali.

Le crisi epilettiche si dividono in 2 categorie principali:

  1. Primaria generalizzata - si verificano in presenza di focolai epilettici in entrambi gli emisferi del cervello, con tali attacchi, la persona perde sempre coscienza. Le convulsioni generalizzate possono essere: -convulsive (convulsioni cloniche, toniche o tonico-cloniche); - ascessi non controllati (solo la perdita di coscienza si manifesta per alcuni secondi).
  2. Parziale (focale) - si verifica nel caso di trovare un focus epilettico in un emisfero del cervello, o piuttosto nella sua parte specifica.
Suddiviso in:

  • semplice - senza perdita di coscienza;
  • complesso - si verificano con coscienza alterata, possono andare in generale;
  • secondaria generalizzata - iniziare sotto forma di convulsioni o assenze parziali (convulsive o non convulsive) con l'ulteriore diffusione dell'attività convulsiva su tutti i gruppi muscolari.

Le crisi epilettiche sono solitamente di breve durata, che durano da pochi secondi a 3 minuti.

La durata di più di 5 minuti può essere pericolosa, perché c'è il rischio che il sequestro si trasformi in uno stato epilettico - si tratta di diversi attacchi ricorrenti tra i quali la persona non riprende nemmeno coscienza.

Pertanto, è auspicabile e anche necessario sapere come fornire il primo soccorso a una persona (adulta o bambino) durante un epilettico.

Preparazione per un attacco

Un attacco epilettico può verificarsi completamente improvvisamente, oppure può essere attivato da alcuni fattori esterni (ad esempio, luce tremolante, flash, suoni acuti, situazioni stressanti, mancanza di sonno, abuso di alcool e altri stimoli forti) o si verificano in una persona solo in determinate condizioni (ad esempio, durante le mestruazioni o solo durante il sonno).

Conoscere la relazione dei sequestri con tali fattori può ridurre significativamente il loro rischio di insorgenza.

Inoltre, l'apparizione di un attacco epilettico può essere preceduta da un'aura - una sorta di presagio di un attacco che si avvicina.

  • l'emergere di ansia o paura senza causa;
  • sbalzi d'umore;
  • irritabilità eccessiva irragionevole, affaticamento, sonnolenza, ecc.

L'aura appare prima dell'attacco in 1-2 giorni o poche ore.

Pronto soccorso per l'epilessia

  1. Si consideri la versione più evidente di un attacco epilettico - una crisi epilettica tonico-clonica generalizzata, che inizia con un'improvvisa perdita di coscienza, con le pupille che si espandono e gli occhi che rotolano verso l'alto. La fase iniziale può essere accompagnata da contrazioni muscolari.
  2. Poi arriva la fase tonica - ipertonio (forte tensione) dei muscoli scheletrici, espressa principalmente nei muscoli estensori (spesso accompagnati da un grido). La durata della fase tonica è di 10-20 s.
  3. Quindi inizia la fase clonica: si osservano contrazioni simmetriche di braccia e gambe, la frequenza di contrazioni diminuisce gradualmente e il muscolo si rilassa.

La durata totale di un tale attacco è fino a 5 minuti, dopo che la confusione persiste, c'è una forte sonnolenza, il paziente può addormentarsi.

I sintomi vegetativi brillanti sono caratteristici di una crisi generalizzata: pupille dilatate, assenza di reazioni pupillari, aumento della pressione sanguigna, aumento della frequenza cardiaca, insufficienza respiratoria, minzione involontaria e defecazione.

Pronto soccorso per convulsioni convulsive

Cosa fare se una persona (un amico o solo un passante) ha un attacco epilettico davanti ai tuoi occhi?

  • Prima di tutto, non c'è bisogno di andare nel panico: un singolo attacco non rappresenta una minaccia per la vita.
  • Durante un attacco dovuto a convulsioni, una persona di solito cade, quindi è necessario cercare di proteggerlo da oggetti duri e acuminati su cui potrebbe essere ferito.
  • È necessario rilevare il momento dell'esordio dell'attacco per valutarne la durata.
  • Liberi da qualsiasi elemento vincolante e pericoloso dell'abbigliamento (cravatta, occhiali, cintura stretta e altri).
  • È insensato e persino pericoloso cercare di tenere una persona durante un attacco, ma non fermerà i crampi, ma è possibile danneggiarlo (una persona può ottenere una lussazione o un osso rotto).
  • In nessun caso dovresti provare ad aprire la bocca, cercando di inserire le dita o oggetti duri, perché come risultato del trisismo (spasmo dei muscoli masticatori), i denti sono strettamente compressi e tali tentativi possono mordere il dito o danneggiare i denti.
  • È imperativo mettere qualcosa di morbido sotto la testa (ad esempio un rullo dai vestiti) o almeno le proprie mani per proteggere la testa della vittima dai colpi.
  • Ruota la persona sul lato per proteggere le vie respiratorie quando si verifica vomito o schiuma dalla bocca.
  • Non è necessario durante un attacco cercare di trasferire una persona se non è in pericolo. In caso di pericolo (ad esempio, durante un attacco, una persona è caduta sulla carreggiata o nell'acqua), sollevalo per le ascelle e trascinalo in un altro luogo.
  • Non c'è bisogno di provare a praticare la respirazione artificiale o un massaggio cardiaco indiretto (l'unica eccezione è l'acqua che entra nei polmoni), lasciando che l'odore di ammoniaca, ecc.
  • Durante un attacco, una persona può avere una sospensione a breve termine della respirazione, dopo alcuni secondi la respirazione si riprenderà, quindi è sufficiente monitorare l'impulso.
  • Assicurati di aspettare fino a quando la persona non riacquista i sensi o l'arrivo di un'ambulanza.

Aiuto dopo aver lasciato l'attacco

Di solito, durante un'epipridazione, una persona è incosciente e non ricorda nulla dopo di ciò.

Anche dopo l'attacco c'è debolezza, sonnolenza, confusione.

Pertanto, sarà necessario anche il tuo aiuto.

Quindi, cosa fare:

  • Se l'attacco è avvenuto per strada, è necessario aiutare la persona a spostarsi in un luogo più confortevole, per proteggerlo dall'attenzione.
  • Resta con lui fino a quando la condizione non è completamente normalizzata (potrebbero volerci 15 minuti o più).
  • Non è necessario forzare l'assunzione di farmaci, di norma la vittima sa molto bene quali medicine deve assumere.
  • Se le condizioni lo consentono, è necessario garantire il riposo del paziente, perché sperimenta intensa sonnolenza e debolezza.

L'epilessia può verificarsi in qualsiasi persona, indipendentemente dall'età e dal sesso. L'epilessia è ereditata? Leggi in dettaglio nell'articolo.

A proposito di questa forma di psicosi epilettica come la depressione alcolica, continua a leggere.

Per ulteriori informazioni su cosa fare quando si ha un attacco di epilessia, vedere il collegamento: http://neuro-logia.ru/zabolevaniya/epilepsiya/chto-delat-pri-pristupe.html. Raccomandazioni per il primo soccorso.

Quando devo chiamare un'ambulanza senza fallo?

Di regola, i pazienti con epilessia, dopo aver lasciato l'attacco, sanno essi stessi molto bene cosa deve essere fatto, e non hanno bisogno dell'aiuto dei medici. Ma ci sono situazioni in cui chiamare un'ambulanza di emergenza è un must:

  • Un attacco della durata superiore a 3 minuti (rischio di stato epilettico o danno cerebrale).
  • Se una persona durante un attacco ha riportato lesioni significative.
  • Dopo aver lasciato l'attacco, la vittima non riprende a respirare.
  • La persona non riprende conoscenza, mentre le convulsioni sono finite.
  • Durante un attacco d'acqua, il vomito o la saliva sono finiti nei polmoni.
  • Se questo è successo a una persona per la prima volta.

L'epilessia è oggi considerata una malattia benigna, le persone che assumono determinate medicine e osservano determinate restrizioni possono condurre una vita normale, lavorare, praticare sport, avere figli.

Casi in cui l'epilessia diventa una grave malattia, distruggendo la personalità e influenzando l'attività sociale, naturalmente, si verificano, ma non così spesso.

Pertanto, le persone con epilessia non hanno bisogno di avere paura, tanto meno di "stigmatizzarle", ma sapere come aiutare una persona durante un attacco è ovviamente necessario.

Come si presenta l'epilessia negli adulti e chi è a rischio per questa malattia, leggi il nostro sito web.

Informazioni sulle cause dello sviluppo di epilessia in un bambino e fattori di rischio in dettaglio in questo materiale.

Algoritmo di primo soccorso nell'epilessia

L'epilessia è stata conosciuta fin dai tempi antichi, Ippocrate ha dato la sua prima descrizione, in Russia la malattia è stata chiamata "epilessia". Ad oggi sono stati sviluppati regimi terapeutici efficaci per l'epilessia. La prevalenza della malattia è di 16,2 per 100.000 abitanti, nel senso globale, è una percentuale piuttosto alta che non diminuisce con l'età. I pazienti con epilessia richiedono cure costanti costanti e osservazione da parte di un neurologo per tutta la vita.

Avendo visto un attacco di epilessia una volta, una persona non lo dimenticherà mai e sarà in grado di riconoscerlo in qualsiasi situazione. L'ambiente circostante è spesso spaventato dalla foto che ha visto e non sanno come aiutare una persona in questo stato. La corretta tattica di cura non elimina il sintomo, ma consente al paziente di spostare l'attacco molto più facilmente.

Le crisi epilettiche si dividono in parziali e generalizzate.

Un attacco parziale è accompagnato da spasmi convulsivi in ​​una certa parte del corpo o dallo sviluppo di disturbi dello stato del sistema nervoso autonomo - nausea, vomito, vertigini, mal di testa. Quando ciò accade, l'eccitazione di una certa area limitata del cervello.

Un attacco generalizzato è accompagnato da perdita di coscienza e coinvolgimento dell'intero organismo in un attacco, include assenze e un grande attacco tonico-clonico. L'eccitazione copre tutti i neuroni del cervello allo stesso tempo per un breve periodo.

Il più indicativo è una grande convulsione. Comincia improvvisamente, a volte ci sono dei precursori sotto forma di rossore al viso, mal di testa. Il paziente perde conoscenza e tutto il corpo copre inizialmente le convulsioni toniche, mentre i muscoli sono tesi e duri, il paziente si lega e si irrigidisce in una certa posizione. Durante la fase tonica, i pazienti diventano blu a causa dello spasmo dei vasi periferici e la schiuma bianca viene rilasciata dalla bocca.

Fasi del sequestro epilettico

La fase tonica viene sostituita dalle contrazioni dei muscoli clonici. Il corpo del paziente è attorcigliato sotto l'azione delle convulsioni, e quindi il paziente può infliggere danno a se stesso sugli oggetti circostanti. I sintomi caratteristici sono gli occhi spalancati e le pupille rotolanti. La respirazione diventa intermittente e difficile, ulteriormente aggravata dall'aumento del rilascio di saliva, che il paziente non può espellere.

La durata del sequestro non è più di 30 secondi, raramente fino a 60 secondi, se il tempo supera questi indicatori, c'è il rischio di sviluppare stato epilettico e asfissia - in questo caso, è necessaria l'assistenza medica di emergenza. Dopo il sequestro, i pazienti hanno una minzione involontaria e talvolta movimenti intestinali. Passando attraverso le convulsioni, si sviluppa un sonno profondo, simile a un coma, dopo il quale il paziente si riprende e il tempo del sequestro è completamente cancellato dalla sua memoria.

I componenti principali di un attacco sono:

  • Convulsioni.
  • Perdita di coscienza
  • Respirazione alterata

Un attacco epilettico verso l'esterno sembra qualcosa di minaccioso e spaventoso, ma non richiede un'assistenza speciale, poiché termina spontaneamente. Il paziente soffre più dell'indifferenza e del comportamento inadeguato degli altri che dell'attacco stesso. Non è necessaria alcuna assistenza farmacologica di emergenza, è importante essere vicini al paziente e monitorare le sue condizioni: questa è la cosa principale che può essere fatta da una persona che fornisce assistenza.

Algoritmo di azione nel fornire il primo soccorso per l'epilessia:

  1. 1. Non farti prendere dal panico, calmati e rimettiti in sesto, la vita di una persona dipenderà da ulteriori azioni.
  2. 2. Non lasciare cadere una persona, cercare di catturarlo in tempo e giacere con cura sulla schiena.
  3. 3. Non cercare le pillole negli oggetti personali, è una perdita di tempo: dopo un attacco, il paziente stesso prenderà la medicina giusta, e durante questo periodo potrebbe ferirsi.
  4. 4. Fornire a un paziente un ambiente sicuro - rimuovere gli oggetti che potrebbe colpire se è accaduto per strada, spostare il paziente in un luogo tranquillo.
  5. 5. Annota l'inizio del sequestro.
  6. 6. Metti un cuscino, una borsa, dei vestiti sotto la testa per ammorbidire i colpi sul pavimento o sul terreno.
  7. 7. Rilasciare il collo dagli indumenti a pressione.
  8. 8. Girare la testa contro il lato per prevenire l'asfissia della saliva.
  9. 9. È impossibile tenere gli arti per fermare i crampi - questo è inefficiente e può causare lesioni.
  10. 10. Se la bocca è aperta, metti più volte un panno piegato o un fazzoletto per evitare di mordere la guancia e la lingua.
  11. 11. Se la bocca è chiusa, non provare ad aprirla con forza. Quando si esegue questa manipolazione c'è un alto rischio di rimanere senza dita o di rompere i denti doloranti.
  12. 12. Alcuni pazienti vanno incontro a un attacco - non c'è bisogno di prevenirlo. È necessario garantire la sicurezza del movimento e mantenerlo costantemente per evitare una caduta.
  13. 13. Per i pazienti con epilessia sono stati sviluppati braccialetti speciali che contengono informazioni sul paziente e sulla sua malattia. Devi controllare la disponibilità del braccialetto, ti sarà d'aiuto in caso di chiamata all'ambulanza. Ora ci sono versioni elettroniche di questi dispositivi.
  14. 14. Controlla di nuovo l'ora: se l'attacco dura più di 2 minuti, devi chiamare un'ambulanza - in questo caso è richiesta l'introduzione di farmaci anticonvulsivi e antiepilettici.
  15. 15. Dopo le convulsioni, girate la vittima da un lato, poiché durante questo periodo è possibile una recessione della lingua.
  16. 16. Quando il sequestro è finito, aiuta la persona a rialzarsi e riprendersi, spiegargli cosa gli è successo e calmarlo.
  17. 17. Dagli assumere farmaci antiepilettici per prevenire lo sviluppo di crisi ricorrenti.

La complicazione grave delle crisi è lo sviluppo dello stato epilettico.

Epistatus - una condizione in cui una crisi inizia prima della fine della precedente. Se il tempo dell'attacco supera i 2 minuti, si deve sospettare lo stato epilettico e chiamare il medico. Questa complicazione in sé non passa, è necessario introdurre medicine anticonvulse per fermare la condizione. Il suo pericolo sta nella possibilità dello sviluppo di asfissia e morte per asfissia. Questa è una complicanza grave che richiede il ricovero in ospedale nel reparto neurologico.

Quando le assenze aiutano il paziente a fornire lo stesso algoritmo, questi stati non durano a lungo e vanno via da soli. Il paziente deve essere al sicuro durante un attacco, ed è dovere di altri fornirlo.

Pronto soccorso per il sequestro epilettico

L'epilessia appartiene alla categoria delle patologie croniche e incurabili. Sfortunatamente, oggi, è possibile con l'aiuto dei farmaci ridurre la frequenza degli attacchi, ma liberarsene completamente, purtroppo, non è ancora possibile. Circa quaranta milioni di persone soffrono di attacchi epilettici in tutto il mondo, ma non tutti sappiamo cosa fare se improvvisamente assistete a un simile attacco.

Cosa succede se c'è il sospetto di un attacco imminente? ↑

Un sequestro di epilessia si verifica all'improvviso, colto di sorpresa dagli altri, ma spesso è preceduto anche da un'aura, uno stato di precursore di un attacco in arrivo. I sintomi dell'aura non sono troppo pronunciati, ma comunque puoi prestare attenzione a loro:

  • pupille dilatate;
  • aumento del livello di ansia nel paziente;
  • contrazioni muscolari a breve termine;
  • forte irritabilità e attività;
  • mancanza di risposta a stimoli esterni.

Se sospetti che ci sarà un attacco a breve, dovrai fare una serie di manipolazioni:

  • proteggere una persona da oggetti traumatici;
  • preparare un oggetto morbido che può essere messo sotto la testa al momento dell'attacco, potrebbe essere un cuscino, un cuscino di vestiti, una coperta piegata, ecc.;
  • liberare il collo da oggetti soffocanti: togliersi una cravatta o una sciarpa, sbottonarsi una camicia;
  • far entrare l'aria fresca Se sei in questo momento nella stanza per aprire le finestre in modo che il paziente possa respirare più facilmente.

Cosa fare durante l'attacco? ↑

Visivamente, un attacco epilettico, specialmente se non l'hai mai incontrato prima, sembra terrificante. Di regola, quelli intorno a questo momento arrivano a uno stato di torpore e non capiscono cosa fare. Infatti, se l'attacco dura pochi minuti, ma in pratica lo è, non rappresenta un pericolo particolare per la persona se lo proteggi dallo spazio traumatico e lo guardi in quel momento.

Il primo soccorso per l'epilessia è il seguente:

  • brusche contrazioni convulsive iniziano istantaneamente e a questo punto il paziente non è più in grado di controllarsi. È importante prenderlo e metterlo su una superficie piana in modo che al momento della caduta non si ferisca;
  • metti un cuscino, una coperta o un cuscino sotto la testa dai vestiti che sono a portata di mano;
  • rilasciare la zona del collo e del torace per facilitare la respirazione, se ciò non è stato fatto prima;
  • Prova a girare delicatamente la testa del paziente di lato in modo che non soffochi la sua stessa saliva e il vomito possibile, ma non tenere la testa in alcun modo;
  • non dare al paziente durante un attacco da bere;
  • non si dovrebbe cercare di frenare le convulsioni con la forza, non sono controllate e si possono solo causare lesioni al paziente;
  • se la bocca è aperta, inserire un pezzo di stoffa o un fazzoletto in modo che il paziente non danneggi la lingua. Se la mascella è compressa, non provare ad aprirla, non ci riuscirai senza causare danni;
  • il paziente può smettere di respirare per alcuni secondi, questo dovrebbe essere pronto. Non c'è niente da fare in questo caso, il respiro viene ripristinato da solo in un paio di secondi, segui solo il polso. In casi eccezionali, la respirazione può scomparire più a lungo, quindi è necessario eseguire la respirazione artificiale e chiamare un'ambulanza;
  • minzione involontaria o un atto di defecazione possono verificarsi al momento del sequestro, che è la norma in questa malattia.

Cosa fare dopo l'attacco? ↑

Il primo soccorso è fornito, ma cosa fare con il paziente dopo? Quando un paziente esce da uno stato di crisi epilettica, non ricorda cosa gli stava succedendo, ma si rende conto che si trattava di un attacco se prima lo aveva incontrato. Uscendo da questo stato, una persona sperimenta sonnolenza, se si trova in un luogo adatto per questo, dovrebbe essere dato riposo e ha permesso di dormire. Se l'attacco è avvenuto per strada, in un negozio o in un altro luogo affollato, dovresti aiutare il paziente a stare in piedi, ma ricorda che le crisi residue possono verificarsi dopo altri 15 minuti, quindi è consigliabile tenere la persona.

Non è necessario offrire al paziente alcun farmaco, di regola, le persone che soffrono di epilessia si conoscono quali farmaci dovranno assumere. Per non provocare un attacco ricorrente, una persona non dovrebbe mai essere autorizzata a bere bevande contenenti caffeina.

Debolezza generale, debolezza, mal di testa e incertezza nell'andatura possono persistere dopo l'attacco per qualche altro giorno.

Quando è necessario il ricovero? ↑

In 2-3 casi, su un centinaio di attacchi, si verifica uno stato epilettico: si tratta di una condizione grave e pericolosa per la vita che richiede cure mediche immediate. Più spesso, i bambini con stato epilettico sono confrontati rispetto agli adulti.

Lo stato epilettico ha le sue caratteristiche:

  • la durata dell'attacco è superiore a 30 minuti o una serie di crisi durante le quali il paziente non si riprende;
  • il polso è disturbato, o è troppo frequente o, al contrario, praticamente non rilevabile;
  • il tono muscolare è ridotto;
  • allievi molto dilatati.

Il principale pericolo di questo stato è la carenza di ossigeno nel cervello, a causa della quale si sviluppa il suo edema. Senza una quantità sufficiente di ossigeno, le cellule cerebrali iniziano a morire, portando a una serie di disturbi patologici, tra cui la disabilità e persino la morte. Edema cerebrale provoca arresto respiratorio e insufficienza cardiaca, che può anche portare alla morte del paziente.

Oltre allo stato epilettico, ci sono una serie di condizioni quando è richiesta una chiamata ambulanza. Questi includono:

  • attacca più di 3-5 minuti;
  • la persona è in svenire o in coma dopo che il sequestro è durato più di 10 minuti;
  • il primo attacco, precedentemente simile, non è stato osservato;
  • il sequestro epilettico si è verificato in un bambino piccolo;
  • al momento dell'attacco il paziente fu ferito;
  • nessun respiro o polso per più di pochi secondi.

In questo caso, il primo soccorso per un attacco epilettico dovrebbe essere fornito non solo da persone vicine, ma anche da personale medico.

Come riconoscere un attacco? ↑

Un attacco epilettico ha segnato sintomi che non possono essere trascurati. Il sequestro totale è diviso in diverse fasi:

  • l'aura è un precursore di un attacco, può iniziare ad apparire in pochi giorni;
  • convulsioni toniche. In questa fase, l'intero corpo del paziente è fortemente teso, la testa viene gettata all'indietro, la persona cade, la faccia diventa bluastra. Nello stesso periodo, la respirazione potrebbe interrompersi. La durata di questa fase è di circa 15-30 secondi;
  • convulsioni cloniche. Questa fase dura circa 2-5 minuti e a questo punto iniziano i sequestri. I muscoli di tutto il corpo iniziano a contrarsi molto rapidamente e ritmicamente, la saliva esce dalla bocca sotto forma di schiuma, la respirazione ritorna gradualmente e l'azzurro della faccia passa;
  • il rilassamento. Fase, della durata di 10-30 minuti. In questo periodo, i muscoli del paziente si rilassano completamente, spesso non ci sono riflessi, la persona è in uno stato di stupore. Durante questo periodo può verificarsi una minzione involontaria, i gas possono staccarsi;
  • sognare. Uscendo dallo stato di torpore, una persona sperimenta debolezza, stanchezza, confusione, vertigini e un forte desiderio di dormire. I segni residui di debolezza persistono per diversi giorni.

L'aiuto nell'insorgenza dell'epilessia è importante, non solo fisico, ma anche psicologico, poiché il paziente che riacquista coscienza spesso si sente a disagio e si accusa di ciò che sta accadendo. Pertanto, è importante aiutarlo a rendersi conto che la sua colpa non è lì, e che non porta disagio agli altri.

Pronto soccorso per l'epilessia: cosa fare durante un attacco in adulti e bambini?

L'epilessia è la terza malattia neurologica più comune. La malattia è pericolosa perché l'attacco può avvenire ovunque, in qualsiasi momento. Una persona malata non può controllare le sue azioni e se non gli viene dato il primo soccorso per l'epilessia, l'attacco può finire con la morte.

Clinica di un attacco epilettico

Esistono diversi tipi di attività epilettica cerebrale. Il più pericoloso e traumatico per il paziente è un attacco tonico-clonico generalizzato. Durante un attacco, una persona non controlla se stesso e non è responsabile per la sua sicurezza.

Tale stato può svilupparsi a casa, al lavoro, nei trasporti pubblici, sulla carreggiata. Il compito principale di un testimone epiphrispupe è diagnosticare correttamente un attacco e fornire in modo competente il primo soccorso.

Spesso i pazienti manifestano sintomi specifici prima di un attacco, che si chiama aura epilettica. I precursori di un attacco possono essere:

  • sensazione di odore particolare: agrumi, zolfo, pioggia, ecc.;
  • cambiamento nella percezione del colore: tutto intorno può diventare blu o giallo, o si osserva una cecità ai colori;
  • mal di testa;
  • vertigini, oscuramento degli occhi;
  • cambiamenti di umore: pianto, passività o irritabilità, agitazione.

Se il paziente ha epilessia da molto tempo, allora egli stesso cerca di andare in un luogo sicuro quando appaiono i precursori di un attacco. Ma durante gli shock nervosi, durante la gravidanza o durante l'infanzia, un attacco può verificarsi inaspettatamente e persino sullo sfondo di farmaci antiepilettici.

  1. Il paziente cade bruscamente sul pavimento, indipendentemente dall'ambiente.
  2. Cominciano le convulsioni toniche - il corpo è disteso, la testa può essere rigettata, gli occhi rotolano.
  3. La fase clonica è caratterizzata da strappi di vari muscoli, la contrazione dei muscoli della mascella.
  4. Spesso la schiuma appare dalla bocca, che può essere dipinta di rosa e rosso se la lingua viene morsa.
  5. Il vomito si sviluppa spesso.
  6. L'attacco di solito dura circa 2-3 minuti, ma non più di 5 minuti.
  7. Durante la fase clonica o alla fine di una crisi, è possibile la minzione involontaria o la defecazione.
  8. Dopo un attacco, il paziente manifesta affaticamento e sonnolenza.
  • Il paziente è in grado di paralizzarsi durante le convulsioni cloniche sugli oggetti o il genere circostante.
  • Se la lingua è gravemente morsa, può svilupparsi il sanguinamento, con cui il paziente può soffocare.
  • Vomito e schiuma possono anche entrare nelle vie respiratorie e causare asfissia.
  • Dopo l'attacco, tutti i muscoli si rilassano e forse la recessione della radice della lingua, che blocca l'ingresso alla laringe e provoca soffocamento.

Tutte queste situazioni possono portare alla morte di un paziente affetto da epilessia, e quindi è necessario sapere come si manifesta il primo soccorso quando si verifica un attacco di epilessia negli adulti a casa e per strada.

Medico urgente

Casi in cui è necessario l'aiuto di un medico di emergenza:

  • convulsioni convulsive in una gravidanza, un bambino piccolo o una persona anziana;
  • danno visibile alla pelle o allo scheletro;
  • se l'attacco dura più di 5 minuti;
  • con una serie di attacchi che si susseguono;
  • se dopo la fine del sequestro si scopre che il paziente è la prima volta;
  • in assenza di respirazione e palpitazioni dopo la fine dell'attacco.

È importante! Durante un attacco, la respirazione può scomparire, specialmente nelle crisi di fase 1. Non è necessario fare nulla, anche se il paziente diventa blu, la respirazione riprende indipendentemente.

Pronto soccorso per il sequestro nei bambini

Un sequestro di un bambino suo o di un bambino sconosciuto sulla strada che si sviluppò per primo potrebbe squilibrare qualsiasi adulto. Ma bisogna ricordare che ogni persona senza istruzione speciale, ma che conosce lo standard del pronto soccorso, può aiutare il paziente con epiprips.

Se il bambino è caduto, le sue pupille non rispondono alla luce, c'è una pulsazione di vasi sanguigni e si osservano convulsioni, quindi è più probabile che abbia l'epilessia.

Azioni per l'epilessia nei bambini:

È importante! Va ricordato che l'epilessia può essere una conseguenza dei tumori cerebrali e di altre gravi malattie. Pertanto, con lo sviluppo di convulsioni convulsive, si dovrebbe essere ben esaminati per stabilire la causa.

Pronto soccorso per un attacco negli adulti

Quando i primi sintomi di un attacco non devono aver paura e scappare. Inoltre, non ridere degli ammalati. È necessario raccogliere la forza, poiché la vita di una persona dipende dalla correttezza del primo soccorso.

È importante! È necessario rilevare l'inizio dell'attacco e controllare il tempo fino alla fine. Se la durata dell'attacco supera i 5 minuti, deve essere chiamata un'ambulanza. Forse lo sviluppo dello stato epilettico - uno stato di pericolo di vita.

Il tavolo presenta brevemente il primo soccorso per un attacco epilettico.

Dopo la fine delle crisi, il paziente di solito si sente male e stanco. C'è anche un'alta probabilità di sviluppare contrazioni muscolari incontrollate degli arti. Pertanto, finché il paziente non riprende la sua vita, è meglio posarlo da un lato.

Alla fine di un attacco, sono possibili urinazione involontaria e defecazione. Una persona che ha vissuto un attacco in un luogo affollato si vergogna della sua impotenza. È necessario disperdere una folla curiosa, cercare di coprire e nascondere gli effetti della defecazione o della minzione.

Il video in questo articolo presenta i metodi di diagnosi e cura per i pazienti affetti da epilessia.

Epilessia alcolica, cosa fare?

Sullo sfondo di un alcolismo di lunga data, nel cervello si formano focolai di maggiore attività convulsiva. Il problema si manifesta nello sviluppo dell'epilessia.

Le istruzioni per l'assistenza di emergenza per un'epifisi epizootica alcolica presentano diverse differenze dall'algoritmo per l'epilessia ordinaria:

  1. Il sequestro di solito inizia con una forte abolizione dell'alcool per 2-3 giorni. L'esordio è brusco e la fase delle convulsioni toniche è più lunga. Pertanto, non appena l'attacco ha avuto inizio, devi girare il paziente di lato e cercare di tenerlo in quella posizione durante l'intero attacco.
  2. Alla fine, il paziente di solito si addormenta. Ma dovremmo aspettarci lo sviluppo del delirium tremens o delirium tremens nei prossimi giorni sullo sfondo dei sintomi di astinenza. Le allucinazioni possono apparire sotto forma di piccoli animali o insetti. Pertanto, è meglio ospedalizzare un paziente per il trattamento in un ospedale narcologico subito dopo un attacco di epilessia.

Gli attacchi con l'alcolismo possono aumentare e aumentare nel tempo, quindi a seconda di quale trattamento verrà assegnato per liberarsi dalla dipendenza, dipenderà la terapia per l'epilessia. Un semplice sequestro di attività convulsive alcoliche può essere curato a casa sotto la guida di un narcologo.

L'epilessia non è una frase, la malattia è fermata con successo dai moderni anticonvulsivanti. La cosa principale è non avere paura nel momento cruciale e fornire un'adeguata assistenza in un attacco epilettico.

Pronto soccorso per l'epilessia

L'epilessia è una malattia neurologica incurabile derivante dall'eccessiva attività delle cellule nervose nel cervello. Questa attività contribuisce alla manifestazione di una forte eccitazione della sua corteccia, che porta ad un attacco (sequestro).

Al momento del sequestro, il paziente non controlla le sue azioni e può essere seriamente ferito. Pertanto, il primo soccorso per l'epilessia deve essere eseguito in modo chiaro, coerente e rapido.

Caratteristiche della malattia

Un attacco epilettico può avere manifestazioni diverse a seconda del tipo di malattia.

In medicina, esiste una complessa classificazione delle manifestazioni dell'epilessia. Ci concentreremo su tre tipi che devono essere distinti in modo che il primo aiuto sia reso correttamente.

  • Convulsioni inquiete;
  • Attacchi con sintomatologia pronunciata;
  • stato epilettico.

Il verificarsi di crisi non evidenti è indicato dai seguenti fattori:

  • Incubi frequenti;
  • Minzione involontaria durante il sonno;
  • Cambiamenti nel comportamento, manifestati nell'isteria, che si alterna al distacco;
  • Stupore frequente, durante il quale una persona non può distogliere lo sguardo da un punto;
  • Completa mancanza di risposta agli altri.

Con tali sintomi che si verificano frequentemente, è consigliabile essere esaminati da un neurologo. Nel caso opposto inizieranno a svilupparsi forme gravi di epilessia.

Con un'epilessia pronunciata negli adulti, si osservano i seguenti sintomi:

  • Perdita di tatto, capacità di vedere e sentire gli altri;
  • La comparsa di convulsioni o intorpidimento di parti del corpo;
  • Possibile perdita di coscienza a breve termine;
  • Movimenti convulsi e discorsi incontrollati;
  • Testa inclinabile

Molto spesso le convulsioni durano non più di tre minuti. La prolungata continuazione dell'attacco è una pericolosa transizione in stato epilettico.

Epistatus è la manifestazione più formidabile dell'epilessia. Con esso, le convulsioni si susseguono così spesso che il paziente non ha sempre il tempo di venire alla coscienza.

In caso di stato epilettico, l'assistenza di emergenza è di chiamare immediatamente lo staff medico per fornire assistenza medica. Successivamente è necessario seguire la sequenza di azioni prescritte per il primo soccorso.

Manifestazioni sintomatiche

Il primo soccorso per un attacco epilettico, nonostante la semplicità dell'azione, dovrebbe essere fornito immediatamente. Altrimenti, il paziente può sviluppare le seguenti manifestazioni pericolose della malattia:

  • Penetrazione nel sistema respiratorio di saliva o sangue;
  • Sviluppo di ipossia;
  • Disturbi consistenti e irreversibili dell'attività cerebrale;
  • coma;
  • Morte.

Se si sospetta un attacco epilettico, provare a prepararsi per le sue manifestazioni il più rapidamente possibile.

Per effettuare questa operazione, attenersi alla seguente procedura:

  • Rimuovi tutti gli oggetti che potrebbero essere pericolosi per il paziente;
  • Se una persona non ti è familiare, chiedigli se è malato di epilessia;
  • Chiedigli di rimuovere o rilassare comprimendo strettamente gli elementi del corpo degli indumenti;
  • Assicurare un flusso libero di ossigeno nella stanza;
  • Trova una cosa morbida (cuscino, maglione) per metterla sotto la testa di una persona.

In questa fase, è importante che il testimone oculare si prepari psicologicamente alle manifestazioni di un attacco, perché l'aspetto della schiuma dalla bocca, i movimenti convulsi e il respiro sibilante nella vittima possono spaventare chiunque abbia incontrato per la prima volta l'epilessia.

Di solito un attacco epilettico dura in 2 fasi. L'attacco inizia con il fatto che il paziente cade, inizia una contrazione convulsa dei muscoli, a seguito della quale convulsivamente tira le braccia e le gambe. Gli occhi allo stesso tempo possono essere chiusi o arrotolati. La respirazione è intermittente, potrebbe fermarsi per 1-2 minuti.

Molto spesso, questa fase dura non più di 3-4 minuti. Quindi inizia la fase 2, quando si arresta lo spasmo muscolare, il paziente si calma. Minzione involontaria può verificarsi Affinché una persona possa venire da sé, è necessario da 5 a 10 minuti.

Aiutare con status epilettico prevede sempre l'uso di farmaci che possono essere utilizzati solo da un medico. Pertanto, è necessario proteggere il paziente da lesioni prima dell'arrivo dei medici.

Pronto soccorso

Considera cosa fare quando è necessario un attacco di epilessia e quali azioni sono proibite.

L'algoritmo di aiuto consiste in tali misure urgenti:

  • Registrare l'inizio dell'attacco;
  • Metti una cosa morbida preparata sotto la testa della vittima o posiziona la parte superiore del corpo sulle ginocchia;
  • Cerca di tenere la testa in modo che sia dalla sua parte, impedendo alla saliva o al sangue di entrare nel sistema respiratorio;
  • Se la bocca del paziente è socchiusa, inserire tra le mandibole di qualsiasi tessuto, arrotolata in un piccolo cuscino;
  • Non permettere al paziente di alzarsi dopo la fine delle convulsioni: non si è ancora completamente ripreso;
  • In presenza di minzione, coprire con qualsiasi panno o indumento sulla coscia di una persona, poiché il forte odore di urina causerà un aumento dell'attacco;
  • Se è ancora incosciente, fissa la testa dalla sua parte;
  • Quando il paziente è tornato in sé, ponigli alcune semplici domande per assicurarti che la sua coscienza sia chiara;
  • Controlla se la persona ha un braccialetto speciale su cui è registrata la diagnosi, il nome e l'indirizzo.

Il primo soccorso per un attacco di epilessia deve essere fornito rigorosamente secondo l'algoritmo di cui sopra. Eventuali deviazioni porteranno a conseguenze disastrose.

Elenchiamo gli errori fatti frequentemente che sono inaccettabili da fare quando si aiuta una persona con un attacco epilettico:

  1. Rovesciare i denti nella prima fase dell'attacco. Azione assolutamente inutile, poiché la lingua non cade in questo periodo: i muscoli sono troppo tesi. Ma puoi danneggiare lo smalto, i denti e persino dislocare la mascella all'istante.
  2. Utilizzare la forza fisica per mantenere il paziente nel periodo di contrazioni muscolari convulsive. Una persona non ha un istinto di conservazione, non prova dolore, quindi possono verificarsi lesioni a muscoli, legamenti e persino ossa.
  3. Muovi il paziente durante l'attacco. L'unica eccezione alla regola è il pericolo per la vita: si trova sul bordo di una scogliera, acqua o carreggiata.
  4. Per nutrire il paziente.
  5. Offri farmaci. È anche un'azione inutile, dal momento che nessuna medicina funzionerà fino alla fine dell'attacco.
  6. Condurre la rianimazione sotto forma di massaggio cardiaco o respirazione artificiale.
  7. Battere, scuotere, bagnare con l'acqua, cercando di rianimare.

Condizione dopo l'attacco

Le cure d'emergenza per l'epilessia dovrebbero continuare dopo che il paziente ha ripreso conoscenza.

Nonostante il fatto che le condizioni del paziente siano normalmente normalizzate entro 15 minuti, non puoi lasciarlo da solo. Aiutalo e cammina verso casa.

Non offrirgli bevande contenenti caffeina o cibi piccanti: provocheranno di nuovo un attacco.

Chiedi se ha bisogno di cure mediche. Le persone che hanno avuto un attacco non per la prima volta sanno bene cosa deve essere fatto dopo di esso. Se l'epilessia si è manifestata per la prima volta, ulteriori assistenza e diagnosi dovrebbero essere eseguite in un istituto medico.

Una chiamata di ambulanza deve essere effettuata anche nei seguenti casi:

  • L'epilessia si manifestava in una donna incinta, in una persona in età avanzata, in un bambino;
  • L'attacco dura più di 5 minuti;
  • Il sequestro fu ripetuto più volte;
  • Durante la caduta, l'uomo fu ferito;
  • Il paziente non riprende conoscenza;
  • Dopo un attacco, la difficoltà a respirare persiste;
  • Il sequestro è avvenuto nell'acqua.

Manifestazioni di epilessia nell'infanzia

L'epilessia nei bambini è più frequente dall'età di cinque anni ed è caratterizzata da una predisposizione alle contrazioni muscolari convulsive.

Non è ancora possibile diagnosticare con precisione la causa dell'aspetto di un sintomo simile. Tuttavia, le convulsioni sono precedute dal comportamento amareggiato o isterico del bambino, quando è difficile per lui frenare le sue emozioni. È difficile per un bambino addormentarsi, la qualità del sonno diurno e notturno si sta deteriorando in modo significativo.

Spesso nei bambini, i sintomi caratteristici dell'epilessia si manifestano in crisi epilettiformi. Le loro cause e metodi di trattamento variano in modo significativo. Pertanto, i genitori devono essere in grado di distinguerli per fornire l'assistenza necessaria a casa.

Le convulsioni epilettiformi si verificano una volta. Se questo è accaduto diverse volte, le manifestazioni sintomatiche saranno diverse ogni volta.

Le crisi epilettiche si ripresentano regolarmente, con sintomi chiaramente tracciabili.

In ogni caso, quando compaiono sindromi convulsive, il bambino deve essere esaminato da un neurologo che prescriverà un trattamento appropriato e appropriato.

Dipendenza da alcol ed epilessia

Nell'alcolismo, l'epilessia si manifesta come una complicazione dopo intossicazione alcolica prolungata e regolare.

Apparendo una volta, sarà ripetuto regolarmente. Allo stesso tempo, non importa se la persona ha preso alcool o no. Questa caratteristica è associata a disturbi patologici nella circolazione sanguigna del cervello durante intossicazione da alcol prolungata.

L'epilessia "alcolica" è una delle manifestazioni più pericolose della malattia per la vita di un paziente. Inoltre, ha le sue caratteristiche:

  • Gli attacchi si verificano pochi giorni dopo l'ultima assunzione di alcol;
  • Il sequestro è spesso accompagnato da allucinazioni;
  • Dopo questo, un sonno notturno è disturbato;
  • Il paziente prova amarezza e suscettibilità;
  • L'attenzione e la memoria diminuiscono, il discorso peggiora;
  • C'è una chiara depressione dei processi mentali, che si manifesta in stati depressivi protratti.

Nell'alcolismo, le cure di emergenza per un attacco epilettico risultano essere secondo il principio generalmente accettato.

Pronto soccorso per l'epilessia, le regole di base

L'epilessia è una malattia abbastanza grave del sistema nervoso che preoccupa molte persone. Il termine "epilessia" è considerato il nome storico russo di questo disturbo. Durante un improvviso attacco convulso, l'udito, la vista e l'olfatto di una persona sono compromessi. Il corpo e gli arti possono diventare insensibili o muoversi in modo incontrollabile. A volte i pazienti perdono conoscenza e per molto tempo non possono riprendersi. Attualmente, circa 40 milioni di pazienti soffrono di epilessia. L'attacco accade molto spesso all'improvviso e all'improvviso. Parenti e amici del paziente, così come altri passanti, devono essere preparati per un improvviso deterioramento delle condizioni di una persona. Il primo soccorso per l'epilessia è una questione responsabile. Che tu possa aiutare una persona ad evitare conseguenze più gravi.

Informazioni generali sulla malattia

La diagnosi di epilessia è considerata molto comune. La malattia sta infastidendo i pazienti che regolarmente hanno impulsi elettrici eccessivamente intensi nel cervello. Le cariche pericolose vengono immediatamente trasferite ai muscoli. Una persona ha crisi e convulsioni caratteristiche. La natura degli attacchi può essere molto diversa. Colpiscono uno o due emisferi del cervello.

La causa esatta della malattia è difficile da determinare. I problemi possono essere causati da problemi nello sviluppo del feto nell'utero, traumi alla nascita, infiammazione del cervello e difetti nella sua struttura. Anche dopo un esame completo del corpo, i medici spesso non possono nominare il problema principale. Il gruppo a rischio è costituito da bambini e anziani. L'attacco di epilessia in un bambino o in un adulto può verificarsi in modo piuttosto acuto, cioè durante tutta la vita. È molto importante essere preparati per questo.

Se hai già diagnosticato questo disturbo, devi abbandonare le cattive abitudini. Il fumo e l'alcol provocheranno il verificarsi di attacchi pericolosi. Inoltre, i pazienti dovrebbero dormire bene la notte (almeno 8 ore al giorno), evitare situazioni stressanti e non abusare di antidepressivi. In alcune situazioni, è necessario limitare le visite a una varietà di sale da concerto e club. La luce intensa sarà in grado di provocare un altro attacco di epilessia negli adulti.

È possibile prepararsi per una prova?

La natura delle crisi è molto diversa. Se il sequestro si è verificato all'istante, è quasi impossibile prepararlo. Inoltre, in alcuni casi, una persona può iniziare a sentire cambiamenti nella natura degli odori, rafforzando il ritmo del cuore, la nausea. Quindi, questi sintomi aiuteranno a conoscere l'attacco, anche poche ore prima.

Presta attenzione agli occhi del paziente. Se una persona alla luce del giorno aumenta bruscamente le pupille, questo indicherà la minaccia di un attacco imminente. Gli epilettici in un determinato periodo di tempo possono essere molto irritabili e sfocati. I muscoli del corpo e degli arti possono contrarsi leggermente. Attacchi frequenti portano a un ridotto apporto di sangue nelle aree del tessuto cerebrale.

Dovresti imparare in anticipo su cosa fare quando hai un attacco di epilessia. È molto importante proteggere la testa del paziente dall'impatto. Prova anche a prepararti per l'autunno in modo reale e indipendente. Cancella l'area intorno e tieni lontano oggetti taglienti.

Come assistere?

Il primo soccorso per un attacco di epilessia può avere un carattere diverso. In alcuni casi, determinare il sequestro è abbastanza difficile. Molto spesso, la gente non pensa nemmeno al fatto che in questo momento una persona si trovi in ​​uno stato piuttosto pericoloso. Uno sguardo vuoto, un silenzio prolungato e cambiamenti di umore sono sintomi di crisi meno evidenti. In questo caso, la persona deve essere messa o messa su una superficie morbida, quindi attendere che le sue condizioni tornino alla normalità. Non limitare le azioni del corpo, ma proteggerlo da forti rumori, nonché da forti cadute di temperatura e luci intense. Dopo qualche tempo, possono verificarsi complicazioni. Sii attento!

Molto spesso l'epilessia non è molto difficile da riconoscere. Se vedi cambiamenti drammatici nelle condizioni del paziente, segui alcune regole:

  1. non posso andare nel panico Il primo soccorso dovrebbe essere tempestivo, l'epilessia può causare una serie di lesioni. Dovresti essere raccolto e non preoccupato. La salute di una persona malata ora dipende da te, pensa con calma e giudiziosamente. Non aver paura dei movimenti convulsi e della schiuma dalla bocca;
  2. liberare il collo dai vestiti agghiaccianti. Rimuovere dalla cravatta epilettica, catena, croce e sbottonarsi la camicia;
  3. Non lasciare il paziente durante un attacco. Guarda lui e i suoi movimenti. Dopo la relativa normalizzazione dello stato, parla dolcemente e senza intoppi, non essere nervoso;
  4. considera l'area vicino alla persona. Se i mobili interferiscono con esso, allora è necessario trascinarlo un po '. Non è desiderabile spostare il corpo dell'epilettico;
  5. guarda l'orologio nel momento in cui l'attacco è appena iniziato. Annota l'ora;
  6. Si consiglia di mettere un piccolo cuscino sotto la testa del paziente (puoi anche usare un maglione o una maglietta per strada).
  7. Posiziona un piccolo oggetto morbido nella bocca del paziente. Questa può essere una sciarpa normale, durante un attacco di epilessia una persona può mordersi la lingua. Si noti che l'oggetto non deve interferire con la respirazione;
  8. gira la testa di lato e leggermente in basso. Questo deve essere fatto immediatamente. Pertanto, è possibile evitare di cadere nei polmoni di saliva e vomito;
  9. controlla l'ora Se un attacco epilettico dura più di cinque minuti, allora il primo soccorso ordinario non aiuterà. Chiamare un'ambulanza;
  10. devi fare i primi passi nel momento stesso in cui tutto è appena iniziato. Il primo soccorso per l'epilessia dovrebbe essere tempestivo.

Si raccomanda inoltre di scoprire da una persona quanto spesso ha sequestri simili. Se le convulsioni si verificano in casa, apri le finestre abbastanza larghe.

Azioni proibite nell'attacco

Molte persone fanno una domanda su come aiutare una persona nel modo più corretto possibile e cosa fare durante un attacco. Il tuo compito principale: non fare danni. L'aiuto con le crisi epilettiche dovrebbe essere di alta qualità. Non è possibile eseguire un massaggio cardiaco e provare anche a praticare la respirazione artificiale. Non dare acqua a un malato, può facilmente soffocare! Non mettere un bastone o altra cosa dura in bocca. Quindi, proteggi una persona dalle fratture della mandibola e dai danni ai denti. Qualsiasi droga durante questo periodo di tempo è considerata priva di significato.

Se il paziente ha smesso di respirare, controlla il suo polso. Tutti gli indicatori dovrebbero essere normali, non ti preoccupare. Non cercare di mantenere gli arti di un paziente in una posizione statica. Tali movimenti non aiutano. Con le convulsioni, non fermerai i crampi. Puoi anche chiamare un'ambulanza e chiedere un consiglio. L'epilessia è una neurologia abbastanza pericolosa, l'aiuto deve essere qualificato.

Le condizioni del paziente dopo il sequestro

È anche molto importante sapere cosa fare dopo un attacco di epilessia. Se i muscoli epilettici diventano gradualmente normali, per qualche tempo la reazione agli agenti patogeni esterni è piuttosto insolita. In alcuni casi, dopo un attacco, la vescica può rilassarsi e urinare. Prendilo con comprensione. Le prime azioni del paziente sono piuttosto strane, continuano a fornire assistenza. Se le persone sono nelle vicinanze, chiedi loro di separarsi. Puoi farlo da solo, e l'accumulo di estranei non contribuirà alla normalizzazione delle condizioni di una persona.

Il corpo del paziente dovrebbe rilassarsi, appoggiarlo su un lato. Se una persona continua a barcollare e si sente insicura, trattiene costantemente il paziente. In alcuni casi, si consiglia di mantenere una posizione orizzontale fino alla completa stabilizzazione dello stato del corpo. Avrai solo bisogno di sederti accanto a una persona per circa 15 minuti. Molto spesso, gli epilettici sanno già cosa devono fare. Non cercare di forzare una persona in neurologia.

Devo chiamare un'ambulanza

Molto spesso un attacco epilettico è di breve durata, ma cosa fare se dura abbastanza a lungo? È meglio chiamare un'ambulanza! Inoltre, in alcuni casi possono essere necessari professionisti medici qualificati:

  1. questo è il primo attacco epilettico;
  2. se nelle convulsioni infastidisce un bambino, una donna incinta o un pensionato;
  3. stato convulso iniziato nell'acqua;
  4. La salute epilettica non è normalizzata per molto tempo.

Riassumiamo

Con l'aiuto di questo articolo, hai imparato cosa fare dopo l'inizio di un attacco di epilessia. Neurologia e malattie simili sono piuttosto pericolose. L'epilessia può verificarsi sia nei bambini che negli adulti. Gli attacchi spesso iniziano improvvisamente, devi aiutare una persona malata. Quindi, la salute della tua famiglia e dei tuoi amici non sarà in pericolo!

Inoltre, Sulla Depressione